GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 52 visitatori e nessun utente online

 

U PUMU

autore Gianni Belfiore

Rosa Balistreri

 

U PUMU

Quannu me matri mi fici vattiari,
comu na zita mi vosi ‘nfasciari;
la so ricchezza era sulu ddu velu,
a mia lassau ‘n pizzuddu di celu.
Pani e cipudda cunsatu cu nenti,
chistu e lu piattu di la me genti;
sulu a li festi si mancia la carni
disiu d’un pumu
crisciva cu l’anni.
Tanti cristiani sutta lu munti
‘ccu la fatica scritta ‘nta frunti
ad aspittari la terra prumissa
sempri ‘n parrinu ca dici la missa.
Terra scurdata di Diu e di santi
sulu cci resta chiddu chi chianci
tutta la vita sempri aspittari
aspetta sempri a cu nun veni mai.
Gira sta rota, gira stu munnu
o arrivi ‘n celu o resti ‘n funnu
chi sorti amara ristari sulu
senza putiri manciari ddu pumu.
Quannu me matri mi fici vattiari
comu na zita mi vosi fasciari
la so ricchezza era sulu ddu velu
a mia lassau ‘n pizzuddu di celu.
Gira sta rota, gira stu munnu
o arrivi ‘n celu o resti ‘n funnu
chi sorti amara ristari sulu
senza putiri manciari ddu pumu,
chi sorti amara ristari sulu
senza putiri manciari ddu pumu.              

 

LA MELA

Quando mia madre mi fece battezzare
come una fidanzata mi volle vestire;
la sua ricchezza era solo quel velo,
a me ha lasciato un pezzetto di cielo.
Pane e cipolla condito con niente,
questo è il piatto della mia gente;
solo nelle feste si mangia la carne
il disio di una mela
cresceva con gli anni.
Tante persone sotto il monte
con la fatica scritta in fronte
ad aspettare la terra promessa
sempre un prete che celebra la messa.
Terra dimenticata da Dio e dai santi
solo resta colui che piange
tutta la vita sempre ad aspettare
aspetta sempre chi non viene mai.
Gira questa ruota, gira questo mondo
o arrivi in cielo o resti in fondo
che sorte amara restare solo
senza poter mangiare quella mela.
Quando mia madre mi fece battezzare
come una fidanzata mi volle vestire;
la sua ricchezza era solo quel velo,
a me ha lasciato un pezzetto di cielo.
Gira questa ruota, gira questo mondo
o arrivi in cielo o resti in fondo
che sorte amara restare solo
senza poter mangiare quella mela,
che sorte amara restare solo
senza poter mangiare quella mela

Compositori: Gianni Belfiore e Rosa Balistreri.
Gianni Belfiore, esordisce come autore nel mondo musicale con la cantante folk siciliana Rosa Balistreri.
La svolta della sua carriera artistica è la pubblicazione del disco "Amuri senza amuri", cantato proprio da Rosa Balistreri in dialetto siciliano. Un disco che ancora oggi Gianni Belfiore considera il "più bello" della sua produzione di autore di testi.
Belfiore collabora in seguito con Julio Iglesias, sue le canzoni "Se mi lasci non vale","Hey" e "Pensami" che hanno decisamente contribuito alla fortuna musicale di Julio Iglesias.
Gianni Belfiore scrive, inoltre, i testi di tre LP cantati da Raffaella Carrà. Tra questi, i successi "Fatalità" e"Io non vivo senza te". È autore anche per Iva Zanicchi, Fred Bongusto e Bobby Solo. Scrive canzoni in italiano, inglese, spagnolo e siciliano.
Bellissimo e poetico il testo di questa canzone, dolcissima la voce di Rosa Balistreri.

.



 


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<