GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 106 visitatori e nessun utente online

 

U PAISI DI PETRALIA

autore Fausto Amodei

Rosa Balistreri

 

'NDO PAISI DI PETRALIA
"BARBABLU'"

Nu paisi di Petralia
c'era un vecchiu cA varba blu,
quannu c'era china la luna
iddu parlava cu Gesù,
Ma u Signuri nun canusciva
li turmenti di Barbablù
ca a lu venniri matinu
mancu a Diu cridiu cchiu'.
Iu canusciu la so svintura
e la cantu accussi comè
troppu beni vosi a Maria
e sta svintura pazzia nun n’è
Cu li picuri a la muntagna
caminava tuttu lu jornu
e alla sira quannu turnava
c’era Maria ca l’aspittava.
Quannu scinni 'ntra lu paisi
iddu passa senza taliari
e la genti dici ca è pazzu
picchi porta la varba blu.
Poi ci nasci lu picciriddu
era notti di Natali,
c'era ventu e c'era friddu
‘nda lu cori di Barbablù.
La so fimmina ci muriu
e lu figgliu ci chiangia
un ti pozzu ia lassari e vulau di Petralia-
Iddu vulissi pirdunari
ma ingiuria macari a Diu,
a Maria chiama forti,
guarda la luna e sbarra l'occhi,
a Maria chiama forti
guarda la luna e sbarra l'occhi

 

NEL PAESE DI PETRALIA
BARBABLU’

Nel paese di Petralia
c’era un vecchio con la barba
blu, quando la luna era piena
lui parlava con Gesù.
Ma il Signore non conosceva
i tormenti di Barbablù
tanto che il venerdì mattino
non credette neanche a Dio.
Io conosco la sua sventura
e la canto così com'è
troppo bene volle a Maria
e questa sventura pazzia non è.
Insieme alle pecore in montagna
camminava tutto il giorno
ed alla sera quando tornava
c’era Maria che lo aspettava.
Quando scende in paese
lui cammina senza guardar persona
e la gente dice che è pazzo
perchè porta la barba blu.
Poi gli nasce un bambino
era la notte di Natale,
c'era vento e c'era freddo
dentro il cuore di Barbablù.
La sua donna morì
ed il figlio piangeva
non ti posso lasciare e se ne andò da Petralia.
Lui vorrebbe perdonare
ma bestemmia anche Dio
e Maria chiama forte,
guarda la luna e sbarra gli occhi,
e Maria chiama forte
guarda la luna e sbarra gli occhi.

Antichissima canzone siciliana, cantata da vari gruppi musicali, sulla figura di un pecoraio
di Petralia, che vive isolato con il suo gregge e che ha una barba blu, con un aspetto che
incute paura in chi lo incontra, ma con un cuore di bambino ed innamorato della sua donna,
che purtroppo per una malattia muore lasciandolo solo con un bambino. Da notare come
l’anonimo cantautore descrive l’animo nobile di questa persona che fa da contraltare alla
sua figura di uomo rozzo nelle forme, nei vestiti e nella noncuranza della propria persona

Questa registrazione mi è stata donata da Emilio Paolo Guarisco, grande amico di Rosa Balistreri.

.



 


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<