GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 24 visitatori e nessun utente online

 

OH CUNTADINU

Rosa Balistreri

 




O CUNTADINU
SUTTA LU ZAPPUNI,

O cuntadinu sutta lu zappuni,
passi la vita stanca e assai mischina;
quanti latri ci su, quanti patruna
misi a cavaddu di la to carina.
Afflittu di sti peni, a vita ci duni,
trisoru a cui ti scarna e ti ruvina
e tu sinceru je va bonu
un t’adduni c’abbrusci notti
e gghiornu a la catina.
Tu cu la zappa, tu cu amari stenti
duni a principi, duca e ‘mperaturi
pani, ricchizzi, sfarzi e vistimenti
susteni un munnu cu li to lavuri.
Si nun travagli tu
lu munnu è nenti,
lu munnu vivi cu li to lavuri;
si nun travagli tu
lu munnu è nenti,
lu munnu vivi cu li to lavuri.

O CONTADINO
SOTTO LA ZAPPA

O contadino con la zappa,
trascorri la vita stanca e meschina,
quanti ladri ci sono, quanti padroni
messi a cavallo delle tue spalle.
Afflitto da queste pene, la vita doni,
tesoro che ti strappa la carne e ti rovina
e per te, sincero, ciò ti va bene
e non t’accorgi che bruci notte e
giorno alla catena.
Tu con la zappa, tu con amari stenti
dai a principi, duca e imperatori,
pane, ricchezze, sfarzi e vestimenti,
sostieni il mondo con il tuo lavoro.
Se non lavori tu
il mondo è niente,
il mondo vive con il tuo lavoro;
se non lavori tu
il mondo è niente,
il mondo vive con il tuo lavoro

La civiltà nella quale Rosa trascorre i primi anni della vita a Licata è prettamente contadina, e benchè nata nel quartiere della Marina, Rosa conosce bene la vita dura dei contadini, fatta di sacrifici, di schiena ricurva per il continuo zappare la terra ed essere piegati per levare erbacce, raccogliere i frutti della terra. Ma la terra su cui lavora non è del contadino ed allora lavora a mezzadria, o a giornata, per cui più di metà di quello che produce non gli appartiene, è del proprietario della terra, del barone, del principe, che può condurre una vita agiata, può vestirsi con preziose stoffe grazie al lavoro umile di tanti contadini che lavorano per lui, per cui è giusta l’affermazione “se non lavori tu il mondo è niente” perché la struttura economica, sociale si basa sul lavoro dei contadini e “quanti patruna misi a cavaddu di la to carina” perché il suo lavoro è l’asse portante dell’economia.

 


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<