GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 144 visitatori e nessun utente online

 

LA BALLATA DI PEPPI FAVA

Rosa Balistreri (parole di Ignazio Buttitta)

 

LA BALLATA PI PEPPI FAVA
E per l’ultima ammazzata
e per l’ultima cunnanna che la mafia
o putiri a Sicilia ci manna.
Oh sintinza studiata
ca la vita unn’è scummissa
quannu ammazzannu un nemicu
a matina vannu a missa.
Si sapia che Peppi Fava
era acerrimu nemicu
e fu giusta la sintinza
se a Catania facia spicu.
Prima d'iddru cintinaia
ci ni sunnu dintra i fossi,
arristaru ‘nda memoria
di cu campa e di cu morsi.
Vi facissi u nomi e tutti sunn’avissi
u chiantu a gula pi sta terra ca ogni
ghiornu perdi un figliu e resta sula.
Cuminciassi cu l’Alongi
cuntadinu prizzitanu
e cu Bernardinu Verru,
aviva u cori quantu un chianu,
cu La Torri e cu Chinnici abbracciati
cu la gloria, ca pi seculi e pi seculi
sunnu vivi e fannu storia.
Pi Turiddu Carnivali, Panepintu
e Terranova e li figli senza patri
ammazzati cu la droga.
Sta Sicilia che è un’isola
puviredda ‘nmezzu u mari
ma ‘nda un munnu p’accattarla
un c’è oru e un c’è dinari.
Peppi Fava ci cridiva e parlava
o popolinu, un c’è terra comu a nostra,
ci nasciu e ci caminu.
Na lupara ni dda notti
c’abbrusciau li pinni e l’ali
e nun sacciu se è miraculu
siddu perdi e un po’ vulari.
La Sicilia e la Mafia diffirenti
su sti cosi, differenti pi natura
comu diri spini e rosi.
BALLATA PER PEPPE FAVA
E per l'ultima ammazzata
e per l'ultima condanna che la mafia
al potere la Sicilia manda.
Oh sentenza studiata
perchè la vita non e una scommessa
quando ammazzano un nemico
la mattina vanno a messa.
Si sapeva che Peppe Fava era un
acerrimo nemico e fu giusta la sentenza
se a Catania si metteva in risalto.
Prima di lui centinaia ce ne sono dentro
le tombe e son rimasti nella memoria
di chi campa e di chi è morto.
Vi farei il nome di tutti se non avessi
il pianto in gola per questa terra che
ogni giorno perde un figlio e resta sola.
Comincerei con L'Alongi
contadino di Prizzi,
e con Bernardino Verro,
avevail cuore grande quanto una pianura,
con La Torre e con Chinnici
abbracciati nella gloria
che per secoli e per secoli
sono vivi e fanno storia
Per Salvatore Carnevale, Panepinto
e Terranova ed i figli senza padri
ammazzati con la droga.
Questa Sicilia che è un'isola povera
in mezzo al mare
ma nel mondo per comprarla
non bastan oro né denari.
Peppe Fava ci credeva
e parlava con il popolino
non c'è terra come la nostra,
qui son nato e qui cammino.
Una lupara in quella notte
gli bruciò le penne e le ali
e non so se è miracolo
se perde e non può volare.
La Sicilia e la Mafia sono cose
differenti, per natura differenti
come dire spine e rose.



 

 

 

Il testo è di Ignazio Buttitta, la musica di Rosa Balistreri, l'argomento l'uccisone mafiosa di Peppe Fava, giornalista catanese
Questa registrazione è stata effettuata da Felice Liotti a casa sua in un momento di relax.
Cosa pensa Rosa Balistreri della mafia?
Basta ascoltare le canzoni di Rosa per rendersene conto di cosa pensa e che giudizio da Rosa Balistreri della mafia. In particolare nelle canzoni “Mafia e parrini, Lamentu ppi la morti di Turiddu Carnevali” nella “Ballata del prefetto Mori”, la ballata di peppi Fava, il concetto è chiaro: opposizione e contrasto del fenomeno mafioso con una denuncia chiara e netta espressa nelle
canzoni che lei porta in giro per tutta la Sicilia, in Italia e nel mondo: rifiuto del pizzo, della violenza, della morte, perché la mafia “addisonura sta terra onesta e povira ca voli pani e travagliu, la libertà e la giustizia” (Ballata del prefetto Mori) ed ancora: “E no a mafia e no la liggi infami da lupara” e no onuri, onuri e gloria cu arrobba e spara …/… chistu gridamu, è a nostra vuci
c’arrisbigghia i morti ca stanchi semu e vulemu cangiari vita e sorti.”
In questa ballata viene fatto una cronostoria di quanti onesti siciliani, sindacalisti, magistrati, polizziotti sono morti per mano della mano.
Ed alla fine di questa ballata ecco cosa canta Rosa Balistreri: " La Sicilia e la Mafia, diffirenti su sti cosi, differenti pi natura comu diri spini e rosi.
Nicolò La Perna