GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 122 visitatori e nessun utente online

 

PASSA MARIA

Rosa Balistreri

 

 

 

PASSA MARIA
(tradizionale religioso)

Passa Maria
di na strada nova
la porta d’un firraru aperta era
O caru mastru chi faciti a st’ura?
Fazzu na lancia
e tri pungenti chiova.
O caru mastru nun li fari a st’ura
ti pagu la nuttata
e la mastria.
O cara donna nun lu pozzu fari
unni c’è Gesù ci mettunu a mmia,
o cara donna nun lu pozzu fari
unni c’è Gesù ci mettunu a mmia.

PASSA MARIA
Passa Maria
per una strada sconosciuta
la porta del fabbro ferraio era aperta.
Oh caro mastro che fate a quest’ora?
Faccio una lancia
e tre pungenti chiodi.
Oh caro mastro non li fate a quest’ora
Ti pago la giornata
e la bravura di mastro
O cara donna, non lo posso fare
dove ora c’è Gesù, (1) mettono me,
o cara donna non lo posso fare,

 

La voce accorata di ROSA BALISTRERI in un canto religioso antichissimo, un canto del Venerdì Santo. Questo canto lo ritroviamo nel "Corpus di musiche popolari siciliane" di A.Favara ai numeri 666 - 667 - 668. Lo ritroviamo ancora nel Vigo, in Pitrè e nel Marino Salomone.
Notare l'intensità emotiva della Balistreri mentre canta questa canzone, lei impersona in questo momento il dolore della Madonna "A bedda Matri" che cerca in tutti i modi di evitare la morte in croce del Figlio: si rivolge al fabbro ferraio che sta costruendo i chiodi e una lancia per la crocefissione, lo supplica di non farli, ma è tutto inutile, il fabbro ferraio rischia lui la crocefissione se interrompe il lavoro che gli hanno ordinato.
Questa registrazione è stata effettuata a Sortino nel 1989 un anno prima che la Balistreri morisse.

Nicolò La Perna email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<