GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 104 visitatori e nessun utente online

 

MARIA DI GESU'

Rosa Balistreri

 

 

 

 

MARIA DI GÈSU
(tradizionale)
Di Trapani passàu
Maria di Gèsu
‘ncoddu li marinari la purtaru.
Lì munaceddi subitu scinneru
ed a Maria lu velu arrigalaru.
Maria ci arrispunniu
sutta lu velu:
“Figli, vi binidicu e mi nni vaiu”.
Tinchi, tinchi la campanedda
vann’annannu li virgineddi,
vann’annannu cu Maria
vannu dicennu la litania.

                                                                           

 

MARIA DI GÈSU
Da Trapani passò
Maria di Gesù (1)
a spalle la portarono i marinai.
Le novizie scesero subito
e a Maria il velo regalarono.
Maria rispose
da sotto il velo:
“Figli, vi benedico e me ne vado”.
Tinchi, tinchi (2) la campanella
ora vanno le novizie
ora vanno con Maria
vanno dicendo la litania.

1) statua della Madonna

2) Tinchi, tinchi suono onomatopeico
che riproduce il suono della campanella
in chiesa.

.                          

 

 

Canto religioso: in molti paesi marinari, v’è l’usanza di far trasportare nelle
feste religiose le statue di santi o della Madonna dai marinai, come a Licata,
paese natale di Rosa Balistreri, dove per la festa di Sant’Angelo l’urna del santo insieme a quattro grossi fercoli viene trasportata per le vie cittadine dai marinai.
In questa canzone v’è il ricordo delle processioni di monache e novizie nelle
feste principali religiose. Un dì, numerose, le suore, oggi ridotte a poche decine, avevano un ruolo ben preciso nella società, tenendo aperti collegi per diseredati e senza nome, istruendo i bambini dell’infanzia e delle elementari, organizzando il lavoro negli ospedali, sfornando deliziosi dolci in una parola erano integrati nel tessuto socio-economico dei paesi, oggi la carenza vocazionale o forse il benessere e nuovi modelli per i giovani hanno ridotto al lumicino la presenza di queste sorelle.
Il verso è un endecasillabo, mentre la struttura musicale dall’iniziale 4/4 si
trasforma nel 3/4 più brioso . La tonalità e La Maggior

Nicolò La Perna


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<