GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 212 visitatori e nessun utente online

 

ROSA CANTA E CUNTU

recitata da Rosa Balistreri

 

 

 

 

ROSA CANTA E CUNTA
(Bernardino Giuliana - Rosa Balistreri)
Stasira vaiu e curru cu lu ventu
a grapiri li porti di la storia.
Stasira vogliu dari p’un mumentu
la vita a lu passatu e a la memoria,
stasira cu la vampa di l’amuri
scavu na fossa, na fossa a lu duluri.
C’è chiù duluri, c’è chiù turmentu
ca gioia e amuri pi l’umanità
nun è lu chiantu ca cancia lu distinu
nun è lu scantu ca ferma lu caminu,
grapu li pugna, cuntu li dita
restu cu sugnu, scurru la vita.
Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri lu cuntu.
Nuddu binidicì lu me caminu
mancu la manu nica d’un parrinu
e vaiu ancora comu va lu ventu,
circari paci sulu p’un mumentu.
Voglio spaccari, spaccari li cieli
pi fari chioviri, chioviri amuri.
C’è cu t’inganna c’è cu cumanna
e cu ‘n silenziu mutu sinni sta,
è lu putiri ca ‘nforza li putenti
è lu silenziu c’ammazza l’innuccenti
grapu li pugna, cuntu li dita
restu cu sugnu scurru la vita
Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri lu cuntu.
Vinni a stu munnu quannu lu voscienza
si schifiava pi li strati strati,
tempi d’abusi di fami e di guerra
criscivu ‘nmmenzu di li malandati.
Lacrimi muti ni chiancivu, e quanti!
la me nnuccenza si la sparteru in tanti:
la malagenti, li priputenti
tanti, su tanti ni sta sucità
nun è l’amuri ca crisci ad ogni banna
ma lu favuri ca sparti cu cumanna
grapu li pugna, cuntu li dita,
restu cu sugnu, scurru la vita
Cantu e cuntu, cuntu e cantu
pi nun perdiri lu cuntu 

       

 

ROSA CANTA E RACCONTA
Stasera vado e corro col vento
ad aprire le porte della storia,
stasera voglio dare per un momento
vita al passato e alla memoria,
stasera col fuoco dell’amore
scavo una fossa, una fossa al dolore.
C’è più dolore c’e più tormento
che gioia e amore per l’umanità,
non è il pianto che cambia il destino,
non è la paura che ferma il cammino,
apro i pugni, conto le dita,
resto chi sono, trascorro la vita.
Canto e racconto, racconto e canto,
per non perdere il conto
Nessuno ha benedetto il mio cammino,
neanche la mano piccola di un prete,
e vado ancora come il vento,
cercando pace solo per un momento.
Voglio spaccare i cieli
per far piovere, piovere amore.
C’è chi t’inganna, c’è chi comanda
e chi in silenzio muto se ne sta,
è il potere che rafforza i potenti,
è il silenzio che ammazza gli innocenti!
Apro i pugni, conto le dita,
resto chi sono, passo la vita.
Canto e conto, racconto e canto,
per non perdere il conto.
Sono venuta almondo 
quando il saluto “voscenza”
veniva abusato per le strade,
tempi di abusi, di fame e di guerra,
sono cresciuta in mezzo alla povera gente.
Lacrime mute ne ho piante, e quante,
la mia innocenza se la sono spartita in tanti:
I cattivi, i prepotenti,
tanti proprio tanti in questa società,
non è l’amore che cresce da ogni parte,
ma il favore che divide chi comanda!
Apro i pugni, conto le dita,
resto chi sono, trascorro la vita!
Canto e conto, racconto e canto,
per non perdere il conto.

La canzone "Rosa canta e cunta" è stata composta da Rosa Balistreri con Bernardino Giuliano, (San Cataldo, 17 aprile 1935 -- San Cataldo, 29 marzo 1999) poeta e attore drammatico siciliano, interprete tra i più noti di poesia in lingua siciliana, nonché esperto conoscitore della cultura storico-popolare del territorio nisseno. Grande amico di Leonardo Sciascia, Ignazio Buttitta, Renato Guttuso, Nonò Salomone, Ciccio Busacca, Vittorio Gassman, Salvatore Quasimodo, Rosa Balistreri.
E' una delle più belle canzoni del repertorio di Rosa Balistreri. In questa canzone c'è condensata la sua storia umana di sofferenza, lacrime e fame, la storia di tutti i lavoratori dei campi e delle miniere, delle sopraffazioni dei padroni, ma è anche la storia di chi non ci sta ad essere sfruttato e dimentica il dolore ed allora apre i pugni per conquistare la sua dignità, per "spaccare" con questi anche i "cieli" con lo scopo di far "piovere amore"
Insieme alla canzone "Quannu iu moru" è il testamento lasciatoci da Rosa.
Vi sono molte interpretazioni di questa canzone da parte della Balistreri perchè la cantava ad ogni concerto che effettuava essendo il compendio della sua vita vissuta.
Questa registrazione è stata registrata in casa di Felice Mario Antonio Liotti con il musicista Agostino Comito.
Nicolò La Perna


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<