GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 149 visitatori e nessun utente online

 

LORENZO PANEPINTO

Rosa Balistreri

 

 

 


“STORIA” PER LA MORTE
DI LORENZO PANEPINTO

Lu sidici di maju a prima sira,
lu tempu scuru
e luna nun cci nn’era.
L’empij scillirati e traditura,
nun vosiru addumari li lampera.
Comprici sunnu li affittajola
macari agenti di cancillaria.
A lu paisi quantu luttu c’era
quannu arrivau la figlia criatura.
Patruzzu miu, comu fazzu ora
ca piccilidda cci arristavu sula.
A li putenti chistu un ci calava
ca don Lorenzu
l’occhi ‘nni grapria.
E don Lorenzu va a la sipultura
accumpagnatu di tutta la Lega.
Accumpagnatu di tutta la lega
ognunu la so’ lingua studiava.
Ognunu la so’ lingua studiava
a don Lorenzu la vita liggeva.
Chianciti tutti genti siciliani:
muriu lu patri chi dava lu pani.
Chianciti tutti genti siciliani:
muriu lu patri chi dava lu pani

       


“STORIA” PER LA MORTE
DI LORENZO PANEPINTO

Il sedici di maggio a prima sera
il tempo era buio
e la luna non c’era.
Gli empi scellerati e traditori
non vollero accendere i lampioni.
Complici sono i potenti
ed anche gli agenti di polizia.
In paese quanto lutto c’era
quando arrivò la figlia poveretta.
Padre mio come faccio adesso
perché bambina sono rimasta e sola.
Ai potenti non andava giù
che don Lorenzo
gli occhi ci aprisse.
E don Lorenzo va a la sepoltura
accompagnato da tutti, poveri e potenti.
Accompagnato da tutti
mentre ognuno pensava ai propri affari.
Ognuno pensava ai propri affari
ripercorrendo la vita di don Lorenzo.
Piangiamo tutti, o siciliani:
è morto il padre che dava il pane.
Piangiamo tutti, o siciliani:
è morto il padre che dava il pane.

Lorenzo Panepinto (1865 - 1911) era di Santo Stefano Quisquina, in provincia di Agrigento. Era un insegnante, un socialista, un sindacalista agrario. Nel 1893 fondò un "fascio" nel suo paese. I "fasci siciliani" non hanno nulla a che vedere con il fascismo: furono un movimento di massa democratico e socialista, nato dall'auto-organizzazione di contadini, operai e minatori siciliani, che ebbe una breve ma intensa stagione alla fine dell'800...
Lorenzo Panepinto aveva promosso il sistema delle "affittanze collettive" che consentiva ai contadini di ottenere direttamente dai proprietari la gestione dei latifondi, saltando gli intermediari mafiosi...
Inutile dire che i fasci siciliani furono repressi nel sangue... Inutile dire che Lorenzo Panepinto fu assassinato sotto casa sua con due colpi di fucile al petto il 16 maggio 1911.
Non si conosce l'autore di questo testo che Rosa Balistreri ha usato per questa canzone

Nicolò La Perna


 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<