GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 51 visitatori e nessun utente online

 

LEVATILLU STU CAPPEDDU

Rosa Balistreri

 

 

 

LEVATILLU STU CAPPEDDU

Levatillu stu cappeddu
ca si figghia di mastriceddu
cirinnà eh cirinnà
nun lu vidi ca nun ti sta?

Levatilla sta ricciata
ca mi pari davveru na criata
cirinnà eh cirinnà
nun lu vidi ca nun ti sta?              

                

LEVATI QUESTO CAPPELLO

Togliti questo cappello
ché sei figlia di artigiano
cirinnà eh cirinnà
non lo vedi che non ti sta.

Togliti questa gonna arricciata
ché mi sembri una serva
cirinnà eh cirinnà
non lo vedi che non ti sta.

Canto allegro, da cantare in compagnia per trascorrere qualche minuto d’allegria. L’argomento trattato, il cappello o la camicia arricciata erano molto comuni, specie il cappello, in ogni strato sociale, essendo portato dai ricchi, ma anche dai poveri e ci ricorda come ogni canzone è legata al momento storico in cui viene creata, proponendo come tema o un abbigliamento comune in quel
tempo come il cappello o fatti storici o un contesto sociale di quell’epoca.
Il testo, come alcune canzoni da passatempo, non vuole dirci qualcosa, ma soltanto insieme alla musica darci una ventata di spensieratezza e allegria.
I versi sono liberi, mentre la musica è formata da un valzer allegro con tonalità che ondeggia tra il La minore e il Do maggiore rendendo la canzone più vivace.
non lo vedi che non ti sta.

Nicolò La Perna



 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<