GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 199 visitatori e nessun utente online

 

LA PRIMAVERA

Rosa Balistreri

 

LA PRIMAVERA
La prima, la primavera vinni,
caudu ca si misi a fari
vaiu circannu l’ummira,
vaiu circannu l’ummira
e nun la pozzu asciari.
E di luntanu e di luntanu vitti
ora caddi na rama
idda facia l’ummira,
idda facia l’ummira e ia m’arriparava.
E iu ci addumannu un favuri
ed iu ci addumannai,
ciatu ch’aiu n’cori,
rama dammi na pampina,
rama dammi na pampina,
m’asciucu li suduri.
Ed iddra ed iddra m’arrispunni
cu sti duci paroli
pampina un ti nni dugnu,
pampina un ti nni dugnu,
ti dugnu lu me cori.
Ed iddra ed iddra m’arrispunni
cu sti duci paroli
pampina un ti nni dugnu,
pampina un ti nni dugnu,
ti dugnu lu me cori.
LA PRIMAVERA
La primavera è venuta,
caldo sta facendo,
vado in cerca di ombra,
vado in cerca di ombra
e non la posso trovare.
E di lontano, di lontano ho visto
che è caduto un ramo
questo faceva ombra,
questo faceva ombra e io mi riparavo.
Ed io gli chiesi un favore
ed io gli chiesi,
con tutto il fiato che ho in cuore,
ramo, dammi una foglia,
ramo, dammi una foglia,
con questa mi asciugo il sudore.
Ed esso, esso mi risponde
con queste dolci parole
foglia non te ne do,
foglia non te ne do,
ti do il mio cuore.
Ed esso, esso mi rispose
con queste dolci parole
foglia non te ne do



 

 

 

Questa registrazione audio è stata effettuata a casa di Felice Liotti. E' grazie a lui che ha conservato gelosamente questa registrazione che la possiamo condividere con gli amici.
Nicolò La Perna