GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 68 visitatori e nessun utente online

 

I BABBALUCI

Rosa Balistreri 

 

I BABBALUCI
Vidi chi dannu ca fannu i babbaluci
ca cu li corna spingiunu balati,
su unn‘era lestu a jittarici na vuci
vidi chi dannu ca facianu i babbaluci.
C’era na vota. na vota un muraturi
ca lu travagliu ah nun putia truvari
e priava sempri a Santu Cuttufatu
truvau u travagliu e cadiu do fabbricatu
C’era na vota, na vota un surdatu
aviu l’ugnu du pedi ‘mpussunatu
e priava sempri a Santu Gabrieli
ci guariu l’ugnu e ci cadiu lu pedi.
C’era na vota na vota un vicchiareddu,
ca avia lu sceccu ‘anticchia attuppateddu
e priava u disgraziatu ‘nginucchiuni
si stuppa u sceccu e s’attuppau u patruni.
Lu tavirnaru di l’Abbaddarò
avia tri giorni ca un putia pisciari
e priava a Santu Cuttufatu
pisciò vintitrì litri di moscatu.
LE LUMACHE
Vedi che danno fanno le lumache
che con le corna spingono lastre di marmo,
se non ero svelto a gridargli
vedi che danno fanno le lumache.
C'era una volta, una volta un muratore
che il lavoro non poteva trovare
e pregava sempre a Santo Cuttufato
trovò il lavoro e cadde dal fabbricato.
C'era una volta, una volta un soldato
aveva l'unghia del piede infezionato
e pregava sempre a Santo Gabriele
gli guarì l'unghia e gli tagliarono il piede.
C'era una volta, una volta un vecchietto
che aveva l'asino un pò stitico
e pregava il disgraziato in ginocchio
si liberò l'asino e divenne stitico il padrone.
Il tavernaro di Ballarò
eran tre giorni che non poteva urinare
e pregava a Santo Cuttufato
urinò ventitre litri di moscato.



 

 

 

Rara registrazione audio di Rosa Balistreri fatta in un concerto a Calamonaci
Il pezzo mi è stato donato da Vaccaro Dino
Nicolò La Perna