GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 219 visitatori e nessun utente online

 

GIUVANI BEDDU

Rosa Balistreri 

 

dalla "Ballata del sale"
GIUVANI BEDDU                                      
Giuvani beddu, longu e dilicatu
pirchì nun ci passasti
ma di nni mia, ah ah oh
Nun c'ha passatu ca ‘ha statu malatu
e pi nun dari sta gran pena a tia.
Comu mi lassi e ti nni vai
ora cu li cunorta li peni mia
GIOVANE BELLO
Giovane bello, lungo e delicato
perché non sei passato
ah! da me, ah ah oh
Non ci sei passato perché sei stato malato
e per non dare questa gran pena a te.
Come mi lasci e te ne vai?
ora chi li conforta le mie pene.



 

 

 

Nel 1978 Rosa partecipa allo spettacolo “La Ballata del sale” di Salvo Licata, regia M. Scaparro per il teatro Biondo di Palermo con musiche del maestro Mario Modestini;
"La ballata del sale" è un grande capolavoro di ricerca popolare ed è basata sui canti di mare dei tonnaroti tratti dal “Corpus” del Favara, arrangiati per un quartetto d' archi e per un trio di musica popolare, violino, chitarra e fisarmonica.
Rosa fu amica personale dello scrittore Salvo Licata e del maestro Modestini, i quali insieme gli confezionarono a misura questo spettacolo, collaborerà ancora con tutte e due nello spettacolo “Oh Bambulè”

Nicolò La Perna