GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 173 visitatori e nessun utente online

 

FILASTROCCA A LU BAMMINU

Rosa Balistreri 

 

FILASTROCCA A LU BAMMINU
( tradizionale religioso)
La bedda Matri quannu ia a lavari
i panniceddi di nostru Signuri
ci dava un stricuneddu e li vasava
'nmezzu di rosi e ciuri li stinniva.
E San Giuseppi mentri travagliava
sintia Gesuzzu che forti chiancia,
San Giusippuzzu chiamava a Maria,
vidi ca voli minna u Sarvaturi.
Zittu, la mamma, ca ora ti pigliu
ti dugnu la nennè ca pani nun ci n'è.
La Madunnuzza quannu ia a la fera
u bammineddu ciancia pi la bannera
sona, ci à cattai lu tamburinu
‘ndi trizzi d'oru ‘ndi lazza d'argentu
ni mazzuledda di cristallu finu,
l'Angilu ci dissi bambineddu sona
quantu sintemmu stu sonu divinu:
Ci eru li tri re misi a cavaddu,
ci dissiru di cui è stu picciliddu
lu figliu di Maria
taliatilu ch'è beddu,
lu figliu di Maria
taliatilu ch'è beddu.

FILASTROCCA A LU BAMMINU
(tradizionale religioso)
La bedda Matri quannu ia a lavari
li panniceddi di nostru Signuri
ci dava un stricuneddu e li vasava
'nmezzu di rosi e ciuri li stinniva.
E San Giuseppi mentri travagliava
sintia Gesuzzu che forti chiancia,
San Giusippuzzu chiamava a Maria,
vidi ca voli minna u Sarvaturi.
Zittu, la mamma, ca ora ti pigliu
ti dugnu la nennè ca pani nun ci n'è.
La Madunnuzza quannu ia a la fera
u bammineddu ciancia pi la bannera
sona, ci à cattai lu tamburinu
‘ndi trizzi d'oru ‘ndi lazza d'argentu
ni mazzuledda di cristallu finu,
l'Angilu ci dissi bambineddu sona
quantu sintemmu stu sonu divinu:
Ci eru li tri re misi a cavaddu,
ci dissiru di cui è stu picciliddu
lu figliu di Maria
taliatilu ch'è beddu,
lu figliu di Maria
taliatilu ch'è beddu.



 

 

 

E' un bellissimo quadretto di vita familiare della Sacra Famiglia, ma in questo quadro tutte le famiglie si riconoscono; niente di soprannaturale, la madre che lava i panni e li strofina, San Giuseppe che lavora, il bambinello che piange, la madre che allatta al seno. Come tutte le filastrocche l‟intento non è di raccontare qualcosa, ma di divertirsi con le parole ripetute e con le rime, mentre la musica si fa sempre più veloce e il ritmo insistente.
Questa interpretazione della canzone Filastrocca a lu bamminu è stata registrata da Rosa Balistreri durante una esibizione di una serata tenuta con Claudio Lippi.
Questa registrazione è stata risistemata dal tecnico dei suoni Sandro Burgio
Ritroviamo questo canto in “Corpus di musiche popolari siciliane”, 1957 Alberto Favara al n: 725

Nicolò La Perna