GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 307 visitatori e nessun utente online

 

DU PALUMMI

Rosa Balistreri 

 

DO PALUMMI
(canto tradizionale)
Supra na casa vitti du palummi
supra di iddi l’occhi mia pusaru;
li vitti a cumpuneddu suli suli,
na gioia di lu cori mi scinniu.
Dintra di mia dissi e pinsau:
cu sapi si puri iddi hannu pinzeri
o forsi un n’hannu vuci pi gridari,
lu so duluri nuddu u pò capiri.
Si comu a mia batti lu me cori
lu sangu d’iddi è russu comu a nui
palummi ed acidduzzi sunnu eguali
hannu la carni lu sangu e lu cori
biati iddi chi lu ponnu fari
cangianu celu vulannu cu l’ali,
biati iddi chi lu ponnu fari
cangianu celu vulannu cu l’ali.
DUE COLOMBE
Sopra una casa vidi due colombe
sopra di loro gli occhi miei si posarono,
li vidi accoccolati da soli
una gioia dentro il cuore mi scese.
Dentro di me dissi e pensai:
chi sa se anche loro hanno pensieri
o forse non hanno voce per gridare,
il loro dolore nessuno può capire.
Se come a me batte il cuore,
il loro sangue è rosso come il nostro.
Colombe ed uccellini sono uguali
hanno la carne, il sangue ed il cuore,
beati loro che possono farlo
cambiano cielo volando con le ali,
beati loro che possono farlo
cambiano cielo volando con le ali



 

 

L'attenzione del compositore si ferma su due colombe e i dubbi lo assalgono: chissà se anche loro pensano, soffrono come gli uomini e chissà cosa ci direbbero se avessero la parola per potersi esprimere. Dubbi che affollano la mente di noi umani e che mai avranno una risposta. La conclusione è che anche loro sono fatti di carne, sangue e cuore e che quindi debbono essere rispettati perché fanno parte della vita che ci circonda.

Nicolò La Perna