GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 74 visitatori e nessun utente online

 

CUMARI NINA, CUMARI VICENZA - OILI' OILI' OILA'

Rosa Balistreri 

 

CUMMARI NINA,                                  
CUMMARI VICENZA
(tradizionale)

Ah, cummari Nina,
Ah, cummari Vicenza
cummari Nina, cummari Vicenza
mittitivi a lenza
cca nasci u ‘nguà ‘nguà (1)
S’è masculiddu,
lu mannu a la scola
s’è fimminedda cosetta mi fà



OILÌ, OILÌ, OILÀ

(tradizionale)
Oilì, oilì, oilà, pocu paroli
palazzu fabbrica, Oilì, oilì, oilà
palazzu fabbrica,
‘nmezzu lu mari.
‘Nmezzu lu mari c’è
na villanova
veni lu ventu e la, oilì, oilì, oilà
veni lu ventu e la
motta a la praia.
Tolla ntichiti, tollala la
tolla ntichiti, tollala la
tolla la lalla
Ci sta na picciutedda mariola
di nomu ci mittemu...
oilì, oilì, oilà
di nomi ci mittemu camiola
Teni li capidduzzi bruni e rizzi
e si li strizzi oilì, oilì, oilà
e si li intrizza la palermitana
Tolla ntichiti, tollala la
tolla ntichiti, tollala la
tolla la lalla.                                                     
COMMARE NINA,
COMMARE VINCENZA
Ah, comare Nina,
Ah, comare Vicenza
comare Nina, comare Vicenza
mettetevi di buona lena
che nasce l’infante
Se nasce maschietto,
lo manderò a scuola
se è femminuccia mi farà la calza (2)
1) ‘nguà ‘nguà suono onomatopeico dal
pianto del bambino
2) lavoro di cucito

OILÌ, OILÌ, OILÀ
Oilì, oilì, oilà, poche parole
un palazzo fabbricò, Oilì, oilì, oilà,
un palazzo fabbricò,
in mezzo al mare.
In mezzo al mare c’è
una villa nuova
Viene il vento e la, oilì, oilì, oilà,
viene il vento e la,
spinge sulla spiaggia.
Tolla ntichiti, tollala la
tolla ntichiti, tollala la
tolla la lalla
Ci sta una giovinetta mariuola
la chiameremo…
oilì, oilì, oilà,
la chiameremo “camiola”
Tiene i capelli neri e ricci
e se li strizza oilì, oilì, oilà,
e se li intreccia come una palermitana
Tolla ntichiti, tollala la
tolla ntichiti, tollala la
tolla la la.


 

Nella raccolta Frontini c’è questa versione
“Cummari Nina, cummari Vicenza mittitivi a lenza cca nasci u ‘nguà ‘nguà. Havi sett’anni, ca sugnu maritata ’non passa ‘st’annata mi chiamu mamà.
S’è masculiddu, lu mannu a la scola su è fimminedda quasetta si fa”
Questa registrazione audio è stata effettuata in un concerto a Cianciana e mi è stata donata da Vaccaro Dino
Nicolò La Perna