GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 193 visitatori e nessun utente online

 

COMU HAIU A FARI CU STA LICATISA

Rosa Balistreri 

 

COM’HAIU A FARI
CU STA LICATISA
Com’haiu a fari cu sta licatisa,
chi la matina m’ivu a la so casa
e si ‘sta sira ‘nci la portu tisa
ci sunu i testimoni e mi v’accusa.
Vogliu cantari ca n’haiu a ragiuni
pi ‘mmia un ci ‘nni fu cannaluari
e mi maritau p’un vidiri guai
e maritatu ccu tia vitti chiù ‘ssai
Amici amici chi ‘n Palermu jti
mi salutati dda bedda citati,
mi salutati li frati e l’amici
puru ddà vicchiaredda
di me matri.
Buttana di to mà, ngalera sugnu
ah senza fari un milèsimu di dannu
ah quannu arristaru a mia
era ‘nnucenti.
Ah era lu jornu di tutti li santi
Ah tutti li amici me’
nfami e carogna
ah chiddu ca si mangiàu la castagna
Tutti li amici me’ cuntenti foru
ah quannu ncarzareteddu
mi purtaru
Judici ca la liggi studiati
nun sapiti lu ‘nfernu unni si trova,
va jiti nni li vecchi carzarati
ca iddi vi nni ponnu dari nova;
Hannu a finiri sti vintinov’anni,
ùnnici misi e vintinovi jorna.                   
COME DEBBO FARE
CON QUESTA LICATESE
Come debbo fare con questa licatese
che la mattina sono andato a casa sua
e se questa sera non gliela ritorno
ci sono i testimoni e poi m’accusa.
Voglio cantare perché ne ho ragione
per me non c’è stato mai carnevale,
mi son sposata per non vedere guai
e sposata con te ne ho visti di più.
Amici, amici, che a Palermo andate
salutatemi quella bella cittadina,
salutatemi i fratelli e gli amici
ed anche quella vecchietta
di mia madre.
Puttana di tua madre, in galera sono
ah! senza fare un millesimo di danno
ah! quanto mi hanno arrestato,
io ero innocente.
Ah! era il giorno di ognissanti
ah! tutti i miei amici,
infami e carogna
ah! maledetto il delatore
Tutti i miei amici son rimasti contenti
ah! quando in carcere
mi portarono
Giudici, che la legge studiate
non sapete l’inferno dove si trova,
andate dai vecchi carcerati
che loro possono darvi notizie;
Debbon finire questi venti nove anni
undici mesi e ventinove giorni.


 

Rara registrazione di una canzone antica "Comu haiu a fari cu sta licatisa" donatami da Paolo Emilio Guarisco
L'audio è stato ripristinato da Sandro Burgio
Nicolò La Perna