GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 369 visitatori e nessun utente online

 

CI SU GHIORNA

Rosa Balistreri (poesia)

 

CI SU GHIORNA
Ci su ghiorna
ca la vita un passa mai
e lu tempu si ferma
'ntra un funnu di lettu,
mentri scuntu piccati cunfissati
e mai pirdunati.
Ci su ghiorna ca lu senziu
pari un mulinu a ventu,
cercu surgenti frischi
e trovu sali
pi lavari li peni e li turmenti
accattati pi picca e pi nenti,
e la notti?
la notti silenziu
e maschiri rutti
cu chianci, cu ridi,
cu tira un lamentu.
Cu canta cu mia?
Nuddu!... nuddu!...
mancu na sinfunia
pi cu mori pi mia
CI SONO GIORNI
Ci sono giorni
che la vita non passa mai
e il tempo si ferma
in un fondo di letto,
mentre sconto peccati confessati
e mai perdonati.
Ci sono giorni che il cervello
sdembra girae come un mulino a vento,
cerco sorgenti d'acqua fresche
ed invece trovo sale
per lavare le pene e i tormenti
comprati per poco e per niente,
e la notte?
la notte silenzio
e maschere rotte,
chi piange e chi ride;
chi tira un lamento.
Chi canta co me?
Nessuno!... nessuno!...
neanche una sinfonia
per chi muore per me


 

Rovistando tra le carte di Rosa che ha lasciato alla biblioteca comunale ho ritrovato delle poesie scritte di Rosa Balistreri, forse per farne delle
canzoni, sicuramente Rosa ne ha scritte tante, ne ho trovate diverse e pongo alla vostra attenzione questa poesia, perché ritengo che Rosa Balistreri oltre che artista cantante la si può definire anche poetessa; considerando in premessa che Rosa non frequentò alcuna scuola e che imparò a leggere e a scrivere da grande posso affermare con certezza che le poesie scritte da Lei sono di una bellezza lirica eccezionale, uscite dal
cuore di una madre (Poesia a Luca) o di una attivista di partito (Quando lo sciopero è gia compatto).
Questa poesia in particolare è di una delicatezza eccezionale e Rosa la scrisse mentre era ricoverata nell’inverno freddo tra il 1980 e l’81 all’ospedale “Civico” di Palermo nei giorni successivi ad una operazione in chirurgia toracica. (e lu tempu si ferma 'ntra un funnu do lettu)
La poesia nasce dala vissuto di Rosa Balistreri, dalla sua vita piena di "pene e tormenti" e con la voglia di riscatto: Cu canta cu mia? Nuddu!... nuddu!...
Questo audio è stato registrato da Felice Liotti 
Nicolò La Perna