GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 69 visitatori e nessun utente online

 

AVO'

Rosa Balistreri - Dioscuri

 

 

 



AVO’ (canto tradizionale siciliano)
Avò, l’amuri miu, ti vogghiu beni
l’ucchiuzzi di me figlia, su sireni. Oh…
Chi avi la figghia mia,bca sempri cianci,
voli fattu la naca, menzu l’aranci.
Oh…
Specchiu di l’occhi mia, facci d’aranciu,
ca mancu ‘ppun tesoru iu ti cangiu. Oh…
Sciatu di l’arma mia, facciuzza bedda,
la mamma t’ava fari munachedda. Oh…
E munachedda di lu Sarvaturi,
unni ci stannu i nobili e i signori. Oh…
Ora s’addummisciu, la figghia mia,
guardatimilla vui, Matri Maria. Oh…                               


NINNA NANNA
Fai la vò, amore mio, ti voglio bene,
gli occhietti di mia figlia sono sereni. Oh…
Cosa ha la figlia mia, che sempre piange,
vuole che le facciamo la culla, in mezzo agli aranci. Oh…
Specchio dei miei occhi, faccia d’arancio
che nemmeno per un tesoro io ti cambio. Oh…
Respiro della anima mia, faccetta bella,
la mamma ti vuole fare monachella. Oh…
E monachella (del monastero) del Salvatore,
dove stanno i nobili e i signori. Oh…
Ora si è addormentata, la figlia mia,
guardatemela voi, Madre Maria Oh…



Ecco un'altra interpretazione della canzone Avò registrata dalla Balistreri pochi anni prima di morire in un concerto con Leoncarlo Settimelli al Nord Italia. Si evidenzia una Rosa stanca ed invecchiata; è uno dei pochi concerti dell'ultimo periodo della carriera aristica della Balistreri, quando la canzone popolare non otteneva gli apprezzamenti del pubblico italiano che si divertiva a cantare le canzonette di San Remo e la musica leggera era in voga.
La registrazione è effettuata amatorialmente e l'accompagnamento è fatto dalla stessa Balistreri che sapeva solo alcuni accordi della chitarra, quelli utili per cantare accompagnandosi da sola.
Nicolò La Perna