GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 192 visitatori e nessun utente online

 

AVO'

Rosa Balistreri - Dioscuri

 

 

 



AVO’ (canto tradizionale siciliano)
Avò, l’amuri miu, ti vogghiu beni
l’ucchiuzzi di me figlia, su sireni. Oh…
Chi avi la figghia mia,bca sempri cianci,
voli fattu la naca, menzu l’aranci.
Oh…
Specchiu di l’occhi mia, facci d’aranciu,
ca mancu ‘ppun tesoru iu ti cangiu. Oh…
Sciatu di l’arma mia, facciuzza bedda,
la mamma t’ava fari munachedda. Oh…
E munachedda di lu Sarvaturi,
unni ci stannu i nobili e i signori. Oh…
Ora s’addummisciu, la figghia mia,
guardatimilla vui, Matri Maria. Oh…                               


NINNA NANNA
Fai la vò, amore mio, ti voglio bene,
gli occhietti di mia figlia sono sereni. Oh…
Cosa ha la figlia mia, che sempre piange,
vuole che le facciamo la culla, in mezzo agli aranci. Oh…
Specchio dei miei occhi, faccia d’arancio
che nemmeno per un tesoro io ti cambio. Oh…
Respiro della anima mia, faccetta bella,
la mamma ti vuole fare monachella. Oh…
E monachella (del monastero) del Salvatore,
dove stanno i nobili e i signori. Oh…
Ora si è addormentata, la figlia mia,
guardatemela voi, Madre Maria Oh…



Ecco un'altra interpretazione della canzone Avò registrata dalla Balistrerinel nel1982 dopo un concerto in un momento di riposo in casa di Peppe Filippone a Calamonaci (Ag), Era presente anche Emilio Guarisco che ha conservato per vari anni questa registrazione e che è diventato un appassionato della musica siciliana e del repertorio della Balistreri.
Nicolò La Perna