GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 42 visitatori e nessun utente online

 

A VIDDANEDDA

Rosa Balistreri

 

 

 

LA VIDDANEDDA
U jornu mi ‘nni iva ‘ppi la chiana
quannu ‘ncuntrai na bedda viddanedda
quannu ‘ncuntrai na bedda viddanedda
iva a pigghiari l’acqua a la funtana.
Iu mi avvicinai tuttu cuntenti
ci dissi figghia mia chi si baggiana
ci dissi figghia mia chi si baggiana
ca ni la faccia mi pari la luna
Ma idda un si fa parlari la preputenti
e mi tirau una bedda tumbulata
e mi tirau una bedda tumbulata
ca nun ma scordu no pi tutta a vita.
Ma si la scontru ‘mezzu a li vadduna
tutti li Santi ci fazzu chiamari
tutti li Santi ci fazzu chiamari
a costu di la vita l’haiu a vasari.
LA VILLANELLA
Un giorno me ne andavo per la piana
quando incontrai una bella villanella,
quando incontrai una bella villanella,
andava a prendere l'acqua alla fontana.
Io mi avvicinai tutto contento
le dissi figlia mia come sei luminosa,
le dissi figlia mia come sei luminosa
che nella faccia tu mi sembri la luna.
Ma lei non si fa parlare la prepotente,
e mi tirò un bello schiaffone,
e mi tirò un bello schiaffone
che non dimentico no, per tutta la vita.
Ma se la incontro nel vallone
tutti i santi le faccio chiamare.
tutti i santi le faccio chiamare
a costo della vita la debbo baciare.



Questa registrazione audio è stata effettuata in un concerto a Cianciana. Mi è stata donata da Sandro Burgio

Nicolò La Perna

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<