GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 255 visitatori e nessun utente online

 

A RITI

Rosa Balistreri

 

 

 

A RITI
G. Belifiore - Rosa BalistreriChi sorti i cosa è sta vita pazza
ti rudi, t’assuttigghia e poi ti lassa,
la vera vita è u ventu u mari e u focu;
chistu nun avi fini u restu e jocu.
Jocu di giuvintù, jocu d’amuri,
ma joca megliu cu nun avi cori,
acchiani scinni, acchiani senza meta,
t’accatu a ‘n filu comu na cometa.
Scinni, acchiani e scinni,
scinni, acchiani e scinni.
Na riti cu li magli troppu ranni
si strincinu quannu poi passanu l’anni,
ti fermi stancu e cridi ca è la siti
t’adduni ca si chiusu ‘ntra la riti.
Riti di giuvintu, riti d’amuri,
sta riti nun è rosi e mancu ciuri
acchiani, scinni, acchiani senza meta,
t’accatu a ‘n filu comu na cometa.
Scinni, acchiani e scinni,
scinni, acchiani e scinni,
Ddu jornu ca si ferma sta bannera,
va cercu a veru vita unni si trova,
scrissi ca vogliu misu a stu tabbutu
‘n drappu russu focu di villutu.
Ddu jornu ca si ferma sta bannera
va cercu a veru vita unni si trova,
scrissi ca vogliu misu a stu tabbutu
‘n drappu russu focu di villutu,
scrissi ca vogliu misu a stu tabbutu
‘n drappu russu focu di villutu.                     
LA RETEChe cosa è questa vita pazza
ti rode, ti assottiglia e poi ti lascia,
la vera vita è il vento, il mare e il fuoco;
questo non ha fine, il resto è gioco.
Gioco di gioventù, gioco d'amore,
ma gioca meglio chi non ha cuore,
sale, scende, sale senza meta,
attaccato a un filo, come ad una cometa.
Scende, sale e scende,
scende, sale e scende.
Una rete con le magli troppo grandi
si stringono poi, quando passano gli
anni, ti fermi stanco e credi che è la sete
ti accorge che sei chiuso dentro la rete.
Rete di gioventù, rete d'amore,
questa rete non è rosa e nemmeno fiore
sale, scende, sale senza meta,
attaccato a un filo, come ad una cometa.
scende, sale e scende.
Quel giorno che si ferma questa bandiera,
vado a cercare la vera vita 
dove si trova,
ho scritto che voglio 
messo sulla mia bara,
un drappo rosso 
fuoco di velluto.
Quel giorno che si 
ferma questa bandiera,
vado a cercare la 
vera vita dove si trova,
ho scritto che 
voglio messo sulla mia bara
un drappo 
rosso fuoco di velluto,
ho scritto che 
voglio messo sulla mia bara,
un drappo rosso fuoco di velluto.

 

Bellissima canzone di Gianni Belfiore rifinita con l'aiuto di Rosa Balistreri che la interpreta.
Vi sono considerazioni sulla vita: questa vita pazza che "ti rudi, t’assuttigghia e poi ti lassa" una vita fatta di scale, "scinni, acchiani, scinni, acchiani senza meta" per poi non avere nulla in mano ed aggrapparti ad una cometa.
La vita è una rete che ti avviluppa con le sue maglie, che ti stringono, ti ammaliano per poi accorgerti che sei in prigione; e dopo cosa c'è: la vecchiaia, e un "tabbutu"
Considerazioni amare ma dettate dall'esperienza di una vita travagliata.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<