GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 185 visitatori e nessun utente online

 

A PINNULA

Rosa Balistreri

                                     

A PINNULA
Sintiti amici cari chi vaiu a raccuntari,
un fattu stranu assai un fattu eccezionali;
u fattu di sti fimmini,
beddi comu li mammuli
ca pigghianu li pinnuli apposta ’ppi campà
V’arricurdati Aida, chidda di San Cristofaru
scappata co francisi, ddu pezzu di figghiolu,
ca miniminigonna ora ca è riturnata
parra ca er moscia, è tutta emancipata.
A propriu l’autra ieri cu Lilla s’ancuntratu
s’abbrazzanu spiannuci:
Aida unn’è ca statu?
Haiu statu ‘ndi la Francia
cu me beddu francisi
m’arricriatu l’anima ca avi chiù di tri misi.
Beni, ma dimmi Aida comi è co po capiri
parrà dra strana lingua
e ccu ddu straniu diri
Sapissi cara Lilla, chi lingua cauda e fina.
ca usa lu fagottu pari na sirpintina.
E’ veru dimmi Aida ddocu ni ssu paisi
‘nvintarunu na pinnula
ca si pigghia ogni misi.
Pirchì quannu ritardanu li ospiti aspettati
sunnu duluri stomacu ppi schietti e maritati.
O Lilla bedda cara, tu nun fari chiù vuci
u sacciu ca si ‘llicca pi certi cosi duci.
Perciò ppi farti vidiri ti vogghiu beni assai
na scatola di pinnuli, ppi tia iu purtai.
Ora quannu si a tavula ccu lu to giovinottu
iddu intra la cicara ‘ppo lassari u biscottu.
Però ancora prima di mettiti a mangiari
du pinnuli ppi subbitu
a menu t’ha pigghiari.
Allegri, tutti fimmini, vinni la cuntintizza
approfittatavinni, mentri che c’è sosizza
si diggirisci subbitu, a panza nun s’abbutta
sta prudigiusa pinnula sia biniditta tutta
sta prudigiusa pinnula sia biniditta tutta
1) i cicli mensili femminili.
 
LA PILLOLA
Sentite amici cari, le cose che vi debbo raccontare
un fatto strano assai,
un fatto eccezionale; il fatto di queste donne,
belle come i fiori di mammole
che prendono le pillole apposta per vivere.
Vi ricordate Aida, quella di San Cristoforo
scappata col francese, quel pezzo di figliuolo,
con la minigonna ora è tornata
parla con la “er” moscia, è tutta emancipata.
Ma proprio l’altro ieri con Lilla si è incontrata
si abbracciano e le chiede:
Aida dove sei stata?
Sono stata in Francia
col mio bel francese
sono contenta e felice e questo da tre mesi.
Bene, ma dimmi Aida, come lo puoi capire
parla quella lingua strana
e con quel strano dire.
Sapessi cara Lilla, che lingua calda e fina.
ed usa il fagotto sembra una serpentina.
E vero, dimmi, Aida, li in quel paese
hanno inventato una pillola
che si prende ogni mese.
Perché quando ritardano gli ospiti aspettati (1)
sono dolori di stomaco per zitelle e maritate.
Oh Lilla, bella cara, non fare più strepiti
lo so che ti piacciono certe cose dolci.
Perciò per farti vedere che ti voglio assai bene
una scatola di pillole per te ho portato.
Ora quando sei a tavola con il giovanotto
lui dentro la tazza (2) può lasciare il biscotto.
Però ancora prima di metterti a mangiare
almeno due pillole
subito devi prendere.
Allegri voi tutte donne, è venuto il tempo felice
approfittatene mentre che c’è salsiccia
si digerisce subito, la pancia non gonfia,
questa prodigiosa pillola sia tutta benedetta,
questa prodigiosa pillola sia tutta benedetta
1) i cicli mensili femminili
2) allusione all’organo genitale femminile

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questo audio con la canzone è estratto da you tube
http://www.youtube.com/watch?v=GCaU6e8D3DA

Questa canzone molto divertente, oggi che l’uso degli anticoncezionali è cosa accettata da tutti, potrebbe essere non compresa, infatti è da inquadrare negli anni 70 quando sono state immesse sul mercato le pillole anticoncezionali e le donne erano impreparate alla novità. 
La canzone è piena di doppi sensi, ma non è volgare, anzi è piacevole e mette buon umore, regalandoci qualche sorriso. 

Nicolò La Perna

interpretazioni di altri artisti

https://www.youtube.com/watch?v=ZUhcVQldai4
Gabriella Grasso

https://www.youtube.com/watch?v=0kAani-UE-A
Malmaritate

https://www.youtube.com/watch?v=JTUteJcHCJc
Francesca Amato

 

 

 

 

 

 

<