GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 118 visitatori e nessun utente online

A ME VITA

Rosa Balistreri

                                     

A ME VITA (Lillo Catania)

Quann’era picciridda cu me patri 
mi’ni jva a fari spichi,
e mi ricordu ca lu suvrastanti, ruffianu 
du patruni, ‘ni mannava all’istanti.

Patri miu! Ora ca ti putissi addifinniri,
di pani ed acqua ‘chiù nun pò campari
e li gammuzzi mia chini di sangu,
nill’occhi ti purtasti ‘o campusantu.

Quann’era picciridda m’allisciava li capiddi 
a matri mia, e mi parlava di li cosi tinti, 
ca ponnu capitari, a li ‘nuccenti.

Ah matri mia
lu sacciu chi vuliatu diri
lu sacciu mi vulivatu guardari 
lu sacciu mi vulivatu guardari 
ma a vita è chista e non si pò scappari.

Di ferru su li cordi da chitarra ca m’aiutanu 
a cantari, e mi fannu cantari cosi torti,
contru tutti i prepotenti.

Ah! Chitarra mia! Tu sula si la vita si la paci
tu sula la ducizza di na matri
tu sula sai quantu aju chiantu,
ca l’omu giustu m’ha mancatu  tantu,

 

Quann’era picciridda cu me patri 
mi’ni jva a fari spichi,
e mi ricordu ca lu suvrastanti, ruffianu 
du patruni, mi ittava fora comu cani all’istanti.

LA MIA VITA
Quand’ero  piccolina con  mio padre 
me ne andavo a raccogliere spighe
e mi ricordo che il sovrastante, ruffiano 
del padrone, ci mandava  all’istante.
Padre mio! Ora che ti potrei difendere,
di pane ed acqua  non puoi più vivere
e le gambette mie piene di sangue,
negli occhi ti sei portato al camposanto.
Quand’ero  piccolina mi lisciava i capelli 
la madre mia, e mi parlava delle cose brutte 
che possono capitare, agli innocenti.
Ah madre mia
lo so che cosa volervate dire
lo so mi volevate mettere in guardia,
lo so mi volevate mettere in guardia,
ma la vita è questa e non si può scappare 
Di ferro sono le corde della chitarra 
che m’aiutano a cantare, 
e mi fan cantare cose storte,
contro tutti i prepotenti. 
Ah! Chitarra mia! 
Tu sola sei la vita, sei la pace
tu sola la dolcezza di una madre 
tu sola sai quanto ho pianto, 
perchè l’uomo giusto mi è mancato tanto.
Quand’ero  piccolina con  mio padre 
me ne andavo a raccogliere spighe
e mi ricordo che il sovrastante, ruffiano 
del padrone, mi buttava fuori come un cane all’istante.
Canto autobiografico: L’autore Lillo Catania, avendo ascoltato dalla viva voce di Rosa Balistreri la storia della prima parte della vita della cantante nel paese natio ha dipinto quei momenti in una canzone dove Rosa si immerge nei ricordi di bambina mentre la mamma la pettina e la mette in guardia dai brutti incontri, e gli sovviene in mente il ricordo del padre con il quale andava, per sfamare la famiglia, a raccogliere le spighe rimaste a terra dopo la mietitura e del sovrastante, ruffiano del padrone che caccia padre e figlia fuori dai campi come fossero dei cani. Questi ricordi rimarranno indelebili nella mente di quella bimba e riaffiorano dopo tanti anni, ora che è donna matura, con tutto il loro carico di dolore e sopraffazione.
Questa registrazione mi è stata donata da Felice Liotti

Nicolò La Perna

 

 

 

 
 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

<
 
 

 

 

 

 

 

 

<
 
 
A ME VITA (Lillo Catania)
versione cantata da Rosa Balistreri
Quann’era picciridda m’allisciava li capiddi 
a matri mia, e mi parlava di li cosi tinti, 
ca ponnu capitari, a li ‘nuccenti.
Ah matri mia
lu sacciu chi vuliatu diri
lu sacciu mi vulivatu guardari 
lu sacciu mi vulivatu guardari 
ma a vita è chista e non si pò scappari
Di ferru su li cordi da chitarra ca m’aiutanu 
a cantari, e mi fannu cantari cosi torti,
contru tutti i prepotenti.
Ah! Chitarra mia! Tu sula si la vita si la paci
tu sula la ducizza di na matri
tu sula sai quantu aju chiantu,
ca l’omu giustu m’ha mancatu tantu,
Quann’era picciridda cu me patri 
mi’ni jva a fari spichi,
e mi ricordu ca lu suvrastanti, ruffianu 
du patruni, mi ittava fora comu cani all’istanti.
LA MIA VITA
Quand’ero piccolina mi lisciava i capelli 
la madre mia, e mi parlava delle cose brutte 
che possono capitare, agli innocenti
Ah madre mia
lo so che cosa volervate dire
lo so mi volevate mettere in guardia,
lo so mi volevate mettere in guardia,
ma la vita è questa e non si può scappare
Di ferro sono le corde della chitarra 
che m’aiutano a cantare, 
e mi fan cantare cose storte,
contro tutti i prepotenti. 
Ah! Chitarra mia! 
Tu sola sei la vita, sei la pace
tu sola la dolcezza di una madre
tu sola sai quanto ho pianto, 
perchè l’uomo giusto mi è mancato tanto.
Quand’ero piccolina con mio padre 
me ne andavo a raccogliere spighe
e mi ricordo che il sovrastante, ruffiano 
del padrone, mi buttava fuori 
come un cane all’istante.
Canto autobiografico: L’autore Lillo Catania, avendo ascoltato dalla viva voce di Rosa Balistreri la storia della prima parte della vita della cantante nel paese natio ha dipinto quei momenti in una canzone dove Rosa si immerge nei ricordi di bambina mentre la mamma la pettina e la mette in guardia dai brutti incontri, e gli sovviene in mente il ricordo del padre con il quale andava, per sfamare la famiglia, a raccogliere le spighe rimaste a terra dopo la mietitura e del sovrastante, ruffiano del padrone che caccia padre e figlia fuori dai campi come fossero dei cani. Questi ricordi rimarranno indelebili nella mente di quella bimba e riaffiorano dopo tanti anni, ora che è donna matura, con tutto il loro carico di dolore e sopraffazione.
Questa registrazione mi è stata donata da Felice Liotti

Nicolò La Perna