GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 292 visitatori e nessun utente online

 

VENNIRI SANTU


canta Rosa Balistreri

                                       

 

 

 

 

 

VENNIRI SANTU
(tradizionale religioso)

Vènniri Santu, vènniri matinu
quannu la Matri Santa
si misi ‘ncaminu
scuntrau na vicchiaredda pi la strata
ed era la Vironica chiamata.
Bona donna un omu
hatu scuntratu
nni lu visu è tuttu ‘nchiajatu
vistutu cu na vesta lavurata
beddu ca nuddu
cci po’ assumigliari.
Bona donna un omu
hajiu scuntratu
e nni lu visu è tuttu nchiajatu
la facci cu stu velu
cci haju asciucatu
e lu so visu m’arristò stampatu.
Giuda, Giuda tradituri
tradimentu a mia facisti
e pi trentatrì dinari
a me figgliu ti vinnisti.

                                 

          

VENERDÌ SANTO
Venerdì Santo, venerdì mattino
quando la Madre Santa
si mise in cammino
incontrò una vecchietta per la strada
ed era la Veronica chiamata.
Buona donna un uomo
avete incontrato
che ha il volto tutto piagato
vestito con una veste lavorata
tanto bello che nessuno
gli può somigliare.
Buona donna un uomo
ho incontrato
e il suo volto è tutto piagato
la faccia con questo velo
gli ho asciugato
ed il suo viso mi è rimasto stampato.
Giuda, Giuda traditore
tradimento mi hai fatto
e per trentatre denari
mio figlio ti sei venduto.

   

 

 

canto tratto da: https://www.youtube.com/watch?v=luodAfED4AI

Canto religioso che riferisce il ricordo della Veronica e del suo velo con impressa la faccia sanguinante del Cristo. E’ un episodio della salita al Calvario di Gesù Cristo,
riportato nei Vangeli, che è rimasto vivo nella religiosità popolare come è dimostrato dai tanti quadri, poesie e canzoni che riportano l’avvenimento.
Maria cerca suo figlio e chiede notizie ad una sconosciuta per l’appunto la Veronica che le risponde di aver incontrato un uomo con il viso”tutto ‘nchiaitu” con innumerevoli piaghe e di averlo asciugato con un velo sul quale è rimasta stampata
l’immagine di Gesù.
Endecasillabo è il verso, mentre musicalmente abbiamo un tempo di valzer lento, tristissimo, con tonalità altrettanto triste quale quella minore e cioè La minore.