GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 178 visitatori e nessun utente online

 

TERRA CA NUN SENTI

autore: Maestro Piazza

canta Rosa Balistreri

                                       

 

 

 

 

 

TERRA CA NUN SENTI
maestro Alberto Piazza

Malidittu ddu mumentu
ca grapivu l'occhi 'nterra
'nta stu 'nfernu.
Sti vint'anni di turmentu
cu lu cori sempri 'n guerra
notti e gghiornu.
Terra ca nun senti ca nun voi capiri
ca nun dici nenti vidennumi muriri.
Terra ca nun teni
cu voli partiri e nenti cci duni
pi falli turnari.
E chianci, chianci, ninna oh
Maliditti tutti st'anni
cu lu cori sempri 'n guerra
notti e gghiornu.
Malidittu, cu t'inganna
prumittennuti la luci
e a fratillanza
Terra ca nun senti ca nun voi capiri
ca nun dici nenti vidennumi muriri
terra ca nun teni cu voli partiri
e nenti cci duni pi falli turnari
e chianci, chianci, ninna oh

                                 

          

 

TERRA CHE NON SENTI

Maledetto quel momento
che ho aperto gli occhi sulla terra,
in questo inferno.
Questi vent'anni di tormento
col cuore sempre in guerra,
notte e giorno.
Terra che non senti, che non vuoi capire,
che non dici niente vedendomi morire.
Terra che non trattieni
chi vuole partire e niente dai
per farli tornare.
E piangi, piangi, ninna oh!
Maledetti tutti questi anni
col cuore sempre in guerra,
notte e giorno.
Maledetto chi ti inganna
promettendoti la luce
e la fratellanza.
Terra che non senti, che non vuoi capire,
che non dici niente vedendomi morire.
Terra che non trattieni chi vuole partire
e niente dai per farli tornare
e piangi, piangi, ninna oh!

   

 

 

Questa canzone “Terra ca nun senti” da il titolo all’album omonimo di Rosa Balistreri. Sembra il resoconto della prima parte della vita della Balistreri, “vent’anni di turmentu cu lu cori sempri in guerra”. La vita così vissuta è una maledizione ed allora “malidittu dru mumentu ca grapivu l’occhi in terra” “maliditti tutti st’anni”. 
La canzone è di forte impatto, esprime l’attaccamento alla terra di Sicilia, ma è anche un forte rimprovero a questa terra bella, ma desolata, che vede morire i propri figli, li vede partire emigrati e non fa niente. Il rimprovero è in effetti rivolto ai politici, alla miope politica sul lavoro, ai governanti di Roma che fanno languire questa terra piena di bellezze paesaggistiche, di risorse culturali non sfruttate; non resta altro da fare che piangere, stessa conclusione della canzone “I Pirati a Palermu” di Buttitta: “Sicilia chianci”.

Nicolò La Perna

interpretazioni di altri artisti

http://www.youtube.com/watch?v=SKSxjrB88wQ
Rita Botto

http://www.youtube.com/watch?v=m5LU_EtvlVU
Carmen Consoli

http://www.youtube.com/watch?v=VBLVr0lPpzM
Nada

http://www.youtube.com/watch?v=tAclggzFzGk

http://www.youtube.com/watch?v=ubh_2cE59VU
Sara Favarò

http://www.youtube.com/watch?v=s_A4PES02SE
Paola Turci