GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 217 visitatori e nessun utente online

 

NINNA NANNA DI LA GUERRA

autore: Giuseppe Ganduscio


canta Rosa Balistreri

                                       

 

 

 



 

NINNA NANNA DI LA GUERRA
(Giuseppe Ganduscio)

Ed alavo ' sunnuzzu viniti
ca iu l'annacu e vui l'addummiscitì,
ed alavo' figliuzzu ammannatu
suliddi semu, to'patri è surdatu.

Ed alavo 'figliuzzu di Diu
ca tu' nascisti e to' patri murìu
muri a la guerra, un ti potti vidiri,
suliddi semu, suliddi a patiri.
Oh oh oh
dormi figliu e fai la vo'.
Oh oh oh
dormi figliu e fai la vo',
dormi figliu e fai la vo'.

          

 

 


NINNA NANNA DELLA GUERRA

Fai la ninna oh, sonno venite
che io lo cullo e voi l’addormentate,
fai la ninna figlio speciale
soli siamo, tuo padre è a fare il soldato.

Fai la ninna, figlio di Dio,
che tu sei nato e tuo padre è morto
morì alla guerra, non ti poté conoscere
siamo soli, soli per patire
Oh, oh, oh
dormi figlio e fai la nanna.
Oh, oh, oh
dormi figlio e fai la nanna,
dormi figlio e fai la nanna

             

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

È una ninna nanna di Giuseppe Ganduscio (Ribera, 6 gennaio 1925 - Firenze, 7 settembre 1963) poeta italiano ed illustre personaggio siciliano, che si occupò moltissimo di musica popolare e insegnò a Rosa a Firenze i canti prelevati dal “Corpus” del Favara. In questa ninna nanna si denota l’animo antimilitarista e pacifista del Ganduscio, vicinissimo ai movimenti contro le guerre che sfoceranno nella rivoluzione dei giovani del 1968. Interessante ninna nanna, nella quale la madre addormenta il bambino ricordandogli il padre morto in guerra; ninna nanna e guerra non collimano, la prima è l’espressione della dolcezza della mamma che culla il bimbo per addormentarlo, la seconda è l’espressione più brutale di un essere umano costretto ad ammazzare altri uomini spesso per litigi tra i potenti; in questa ninna nanna la dolcezza della voce di Rosa contrasta con la bruttezza della guerra e della morte.

La versione originale del Ganduscio continua così:
Ed alavò figghiuzzu ammannatu / quannu si granni ‘un ci iri surdatu
ca pi surdatu ‘un ti fazzu partiri / megghiu cu’ tia ‘ngalera iri. (1)

1)Ed alavò, figliolo speciale / quando sei grande non andare soldato
perchè per soldato non ti faccio partire / meglio morire con te in galera

Nicolò La Perna

interpretazioni di altri artisti

http://www.youtube.com/watch?v=Ce4I6HqIoL8
Stefano Saletti