GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 53 visitatori e nessun utente online

 

LU VERBU SACCIU

                                       

 

 

 

 

 

LU VERBU SACCIU
(tradizionale religioso)

Lu Verbu sacciu, lu Verbu
haiu a diri, lu Verbu ‘ncarni
di Nostru Signuri.
Dintra un truncu di cruci
‘happi a muriri
pi sarvari a nuatri piccaturi.
A Cruci quant’è arta e quant’é bella,
un vrazzu arriva ncelu
e l’autru ‘nterra.
A la valli di Gesu và picciuli
e ranni hamu a essiri ddà.
San Giuanni avanti avanti
cu un libru d’oru ‘nta li manu ca liggia.
Signuri pirdunatili sti poviri piccaturi!
Giuvanni, comu l’haiu a pirdunari
ca peccanu lu Pasqua e lu Natali?
C’haiu datu lu cunfissuri
nun si vonnu cunfissari,
ci haiu datu lu pridicaturi
nun lu vonnu ascutari,
Vo… sia a l’infernu nfernali.
Rispunni Maria e dici:
cu lu dici tri voti a lettu
non aviri paura di fiddettu
cu lu sapi e nun lu dici
l’armuzza sua nni la pici
cu lu sapi e nun lu ‘mparirà
centu balati di focu avrà

          

 

 

IL VERBO CONOSCO

La parola di Dio conosco
e quella debbo recitare, il Verbo
di Nostro Signore fattosi carne
Sopra un tronco di croce
dovette morire
per salvare noi peccatori.
La croce come è alta e quanto è bella
un braccio arriva in cielo
e un l’altro in terra.
Alla valle di Gesù piccoli
e grandi dobbiamo incontrarci
Davanti a tutti San Giovanni
che legge un libro d’oro nelle mani.
Signore perdonate
questi poveri peccatori
o Giovanni, come debbo perdonarli
che peccano di Pasqua e di Natale?
Ho dato loro il confessore
non si vogliono confessare,
ho dato loro il predicatore
non lo vogliono ascoltare
Vo…. vadano all’inferno infernale.
Risponde Maria e dice: chi lo dice
tre volte a letto non avrà paura di incubi
chi lo sa e non lo dice
vedrà la sua anima bruciare nella pece
chi lo sa e non lo imparerà
cento lapidi di fuoco avrà.

             

 

 

Questo video con la canzone è estratto da you tube 
http://www.youtube.com/watch?v=MTZyjyT5YV4

Canto religioso: è l’unica preghiera che il padre di Rosa conosceva ed è quella che recita insieme ai figli inginocchiati nelle sere di temporali con lampi e tuoni, quando la casa trema ad ogni tuono e sembra crollare, come è raccontato nel libro su Rosa Balistreri del Cantavenere (1). E’ la religiosità della povera gente che recita la sola preghiera che conosce quando le forze della natura sembrano accanirsi contro i meschini. E’ la preghiera dei vinti, che si rivolgono in prima persona a Dio, senza intermediari, senza i preti e la chiesa, chiedono perdono dei peccati, e chiedono la protezione divina contro le avversità della vita e della natura.
1) Rosa  Balistreri: una grande cantante folk racconta la sua vita, 1992, 

Nicolò La Perna

interpretazioni di altri autori

http://www.youtube.com/watch?v=h-4yKZ-0dus