GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 96 visitatori e nessun utente online

CHISTA E' LA VUCI MIA (canzone di carcere - anonimo)

 

  

 

 

CHISTA È LA VUCI MIA
(tradizionale)
Vinutu sugnu vinutu
dintra la vicaria,
vinni pi fariti sentiri
chista è la vuci mia.
Siddu nun pigghiu sbagghiu
chista e la porta amata
d’unni facia la guardia
nuttata pi nuttata.
Figghiu tu pigghi sbagghiu
di lu tempu passatu
a nautru beddu giovani
lu cori cci haiu datu
Lu santu diavuluni!!!
chistu iu un lu sapia
m’accuntintava moriri
e nun amari a tia,
m’accuntintava a moriri
dintra a la vicaria

QUESTA E’ LA MIA VOCE

Son venuto
dentro il carcere,
son venuto per farti sentire
questa è la mia voce.
Se non erro
questa è la porta amata
dove facevo la guardia
nottata dopo nottata.
Figlio, stai sbagliando
del tempo passato
a un altro bel giovane
il cuore ho dato.
Oh! Santo diavolone!!!
questo non lo sapevo
mi sarei accontentato di morire
che amare te
mi sarei accontentato di morire
dentro il carcere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

audio prelevato da youtube:
https://www.youtube.com/watch?v=Nf3W9PVCrC0

Canzone di carcere, dal disco vinile "Noi siamo nell'inferno carcerati" (1974, Cetra Folk)
Si ascolta tutta l'amarezza e la solitudine del carcerato e della vita amara dentro un carcere.
Anche Rosa Balistreri ha fatto questa amara vita per più di sei mesi all'Ucciardone di Palermo e questa esperienza la ritroviamo tutta intera nella straziante voce in questa canzone.

Nicolò La Perna