GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 176 visitatori e nessun utente online

 

CHI STRATA LONGA

canta: ROSA BALISTRERI

 

 

      

CHI STRATA LONGA

È notti ma pi’ mia è comu jornu,

caminu ma nun sacciu unni vaju.

Chi strata longa, longa, longa,

ma cu la menti curru chiussa’.

E pensu e ti ripensu tanti cosi,

vulissi e nun vulissi milli cosi.

Chi strata longa, longa, longa,

comu l’attisa di chisà chi cosa.

Ti chiamo, poi ti parlu … nun rispunti.

Mi vo’o nun mi vo’? Nun dici nenti.

Chi strata longa, longa, longa

sempri la stessa comu a verità

Iu sugnu sempri iu: no, nun cangiu.

E sentu ca nun canci mancu tuni.

Chi strata longa, longa, longa

e nun si unci cchiù cu chidda to’

 

CHE STRADA LUNGA

È notte ma per me è come giorno,

cammino ma non so dove vado.

Che strada lunga, lunga, lunga,

ma con la mente corro di più

E penso e ti ripenso tante cose.

Vorrei e non vorrei mille cose.

Che strada lunga, lunga, lunga,

come l’attesa di chissà che cosa.

Ti chiamo, poi ti parlo… non rispondi.

Mi vuoi o non mi vuoi? Non dici niente.

Che strada lunga, lunga, lunga,

sempre la stessa come la verità.

Io sono sempre io: no, non cambio.

E sento che non cambi neanche tu.

Che strada lunga, lunga, lunga,

e non si unisce più con quella tua.

 

Registrazione effettuata da Peppe Filippone che ringraziamo per il lavoro di raccolta delle canzoni di Rosa Balistreri.

Bellissimo canto inedito scritto da Lillo Catania per Rosa Balistreri.
E' una rara registrazione, il video non è originale essendo sovrapposto, ma fa un bell'effetto con una Rosa Balistreri 1 anno prima di morire nel 1989.
Ottima l'accoppiata Lillo Catania - Rosa Balistreri, un grande compositore, una grande interprete.
Ecco cosa scrive Lillo Catania di questa canzone:

Intanto arpeggiavo sulla chitarra.
Mi concentrai e lasciai uscire la voce, intonando “Chi strata longa.

 “Minchiuni che bella.” Disse Rosa, “Chista, sì, ca mi piacissi cantalla.
Fammi vidiri comu si fa.
” 
Ricantai la canzone sino ad insegnargliela, ripetendo strofe ed accordi sino a stancarmi. Ma era una bella soddisfazione. Capivo che Rosa si era innamorata della mia canzone e di come la cantavo e questo soddisfaceva tutte le mie fatiche, tutti i miei sacrifici.
Questa canzone, detto da lei, era quella che sentiva di più, quella in cui si riconosceva maggiormente.
Le chiesi : “Mi fai sentire come la canti?”
Ma lei, come sempre, si tirò indietro e non volle assolutamente accennarmela.
(note dalle memorie di Lillo Catania)

Nicolò La Perna