GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 88 visitatori e nessun utente online

 

SE A MILLI A MILLI
testo e musica di LILLO CATANIA

canta: ROSA BALISTRERI

 

      

SE A MILLI A MILLI

Se a milli e a milli m’hannu cunnannata,

a milli e a milli s’hannu a virgugnari,

nun cantu pi tri sordi o pi piaciri,

iu cantu picchì haiu zoccu diri.

E dicu a tutti i fimmini do munnu,

passativi la manunda cuscienza,

lu niuru ittati fora casa,

tingitila di rosa a vostra vita.

A chiddi ca vi parlanu di Diu,

diciticcillu ca vui ci criditi,

ma unn’è lu stessu Diu de patruna,

ma è lu Diu di chiddi senza luna.

A cu di tempi antichi va parlannu

diciticcillu ca c’era schiavismu

li ricchi nun niscivanu da tana

a travagghiari figghi di buttana.

Vurria ca sta ballata c’arrivassi

nda aricchi di dda genti ca ‘un capisci,

pirchìnsacchetta grana n’havi tanta

e critica la vuci mia che canta.

Se sti paroli nun ti dannu paci

e abbruscianu la menti e la cuscienza,

miseria, ca in Sicilia, ci ‘nn’è tanta

e critica la vuci mia che canta.

Se a milli e a milli m’hannu cunnannata,

a milli e a milli s’hannu a virgugnari,

nun cantu pi tri sordi o pi piaceri,

iu cantu picchì haiu zoccu diri.   

SE A MILLE A MILLE

Se a mille e a mille mi hanno condannata

a mille e a mille si debbon vergognare,

non canto per tre soldi o per piacere,

io canto perché ho cosa dire.

E dico a tutte le donne del mondo,

passatevi la mano nella coscienza,

i vestiti neri gettate fuori casa

tingetela di rosa la vostra vita.

A coloro che vi parlano di Dio,

diteglielo che voi ci credete

ma non è lo stesso Dio dei padroni,

ma è il Dio di coloro che non hanno niente.

A chi di tempi antichi va parlando

Diteglielo che c’era lo schiavismo

I ricchi non uscivano dalla tana

A lavorare i figli dei poveri.

Vorrei che questa ballata arrivasse

Nelle orecchie di quella gente che non capisce,

perché in tasca han tanti soldi

e critica la voce mia che canta.
Se queste parole non ti danno pace

e bruciano la mente e la coscienza,

miseria qui in Sicilia ce n’è tanta

e critica la voce mia che canta

Se a mille e a mille mi hanno condannata

a mille e a mille si debbon vergognare,

non canto per tre soldi o per piacere,
io canto perché ho cosa dire  
   

 

Registrazione effettuata da Peppe Filippone che ringraziamo per il lavoro di raccolta delle canzoni di Rosa Balistreri.
Bellissimo canto inedito da cui traspare parte della vita della Balistreri condannata dalla gente del suo paese per la sua indipendenza ma anche l’invito all’emancipazione femminile
con l’invito a cambiare vestiti, basta il nero, indossate vestiti colorati ma metaforicamente colorate di rosa la vostra vita, cioè appropriatevi della vostro corpo, del vostro futuro, del vostro destino.


Nicolò La Perna