GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 252 visitatori e nessun utente online

 

I PIRATI A PALERMU

ROSA BALISTRERI

 

      

I PIRATI A PALERMU
(Ignazio Buttitta)
Arrivaru li navi
tanti navi a Palermu,
li pirati sbarcaru
cu li facci di ‘nfernu.
N’arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia… chianci.
Tuttu l’oru all’aranci
li pirati arrubbaru
li campagni spugghiati
cu la neggia lassaru.
N’arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia… chianci.
Li culura a lu mari
arrubbaru chi dannu!
su ‘mpazzuti li pisci
chi lamentu chi fannu.
N’arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia… chianci.
A li fimmini nostri
ci scipparu di l’occhi
la lustrura e lu focu
c’addumava li specchi.
N’arrubbaru lu suli, lu suli,
arristammu allu scuru, chi scuru,
Sicilia… chianci.
I PIRATI A PALERMO

Sono arrivate le navi
tante navi a Palermo,
i pirati son sbarcati
con le facce d'inferno.
Ci hanno rubato il sole, il sole,
siamo rimasti al buio, che buio,
oh, Sicilia… piangi.
Tutto l'oro alle arance
han rubato i pirati,
le campagne spoglie
nella nebbia han lasciato
Ci han rubato il sole, il sole,
siam rimasti al buio, che buio,
oh, Sicilia… piangi.
I colori del mare
ci hanno rubato, che danno!
i pesci sono impazziti
che lamento che fanno.
Ci han rubato il sole, il sole,
siam rimasti al buio, che buio,
oh, Sicilia… piangi.
Alle nostre donne
han strappato dagli occhi
lo splendore ed il fuoco
che illuminava gli specchi.
Ci han rubato il sole, il sole,
siam rimasti al buio, che buio,
oh, Sicilia… piangi.

 

“Io ho incontrato Rosa Balistreri a Firenze, circa 22 anni fa, in casa di un pittore mio amico. Quella sera Rosa cantò il lamento della morte di “Turiddu Carnevali”, che è un mio poemetto. Io quella sera non la dimenticherò mai. La voce di Rosa, il suo canto strozzato, drammatico, angosciato, pareva che venissero dalla terra arsa della Sicilia. 
Ho avuto l'impressione di averla conosciuta sempre, di averla vista nascere e sentita per tutta la vita: bambina, scalza, povera, donna, madre, perchè Rosa Balistreri è un personaggio favoloso, direi un dramma, un romanzo, un film senza volto. Rosa Balistreri è un personaggio che cammina sopra un filo che ha un cuore per tutti, che ama tutti; un cuore giovane per la Sicilia di Vittorini e di Quasimodo, un cuore giovane per la Sicilia di Guttuso e di Leonardo Sciascia”.
Ecco cosa pensava Ignazio Buttitta (1) di Rosa Balistreri
I versi sono di Ignazio Buttitta (19 settembre 1899 - 5 Aprile 1997) che ricorda in questo testo le invasioni turche, ma in senso lato è rivolta all’annessione della Sicilia da parte dello stato Italiano.
Famose le parole di Buttitta: 
”Un populu mittitilu a catina /spugghiatilu, atttupatici a vucca,
e` ancora libiru. Livatici u travagghiu, u passaportu,
a tavula unni mancia, u lettu unni dormi, è ancora libiru.
Un populu diventa poviru e servu, / quannu ci arrobbanu 
la lingua addutata di patri: è persu di sempri.
Diventa poviru e servu / quannu li paroli nun figghianu paroli
e si mancianu tra d'iddi”. 
Un popolo mettetelo in catene, spogliatelo 
tappategli la bocca è ancora libero. Levategli il lavoro, il passaporto
la tavola dove mangia, il letto dove dorme, è ancora ricco. 
Un popolo diventa povero e servo / quando gli rubano la lingua
ricevuta dai padri: è perso per sempre. Diventa povero e servo
quando le parole non figliano parole / e si mangiano tra di loro
I temi ricorrenti nei suoi scritti sono quelli delle lotte contadine e della conservazione della cultura siciliana.
E’ la canzone che più delle altre dimostra il perfetto binomio tra Rosa e Buttitta, non solo erano amici fraterni, dividevano insieme ad altri amici ad Aspra spesso le serate davanti ad una tavola imbandita con olive, sarde salate, pane siciliano e vino locale, ma condividevano l’amore per la Sicilia, lo sdegno per lo sfruttamento del lavoratore, il richiamo ad una giustizia sociale vera, la conservazione della cultura siciliana, il canto per le bellezze della terra di Sicilia: il mare con i suoi colori, il cielo azzurro, il sole cocente e forte. Tutto i pirati hanno rubato, non resta che piangere, Sicilia piangi.
Il verso è settenario con accenti sulla sillaba 3/6.
Questa versione di "I Pirati a Palermu" è stata registrata in un concerto tenuto da Rosa Balistreri a Sortino (Sr)
Nicolò La Perna