RUSSOTTI JOSE'

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


RUSSOTTI JOSE' 

 


UCI SCHIGGHIENTI

 

 

 CHIANTULONGU

 

 
 RUMMICU COCCI I LAVA

 


 A MA VUCI VAGABUNNA

 

 

CU SAPI SI TONNA

 

 

 

 

José Russotti, per gli amici Peppi, è nato a Ramos Mejìa, sobborgo a nord di Buenos Aires, il 31 marzo del 1952 da Sebastiano e Maria Catena Puglisi. Il padre, fiero contadino, gli ha trasmesso la coscienza del rispetto e la perseveranza, la madre, il garbo, la sensibilità e, allo stesso modo, l’intransigenza. Diviso tra Messina e Malvagna (ME), artista versatile, davvero indimenticabile è stata la mostra delle sue opere allestita nell’aprile del 2017 presso il Teatro V. E. di Messina.

Scrive di lui Domenico Pisana: «L’itinerario poetico di José Russotti si muove dentro l’ethos e il “sole e tutto il mare intorno” della terra siciliana, con un’efficacia semantica di forte rilievo. I suoi versi hanno il sapore di un sincero scavo interiore che si fa dono e che la sua anima traduce in canto poetico di autenticità e di vita». Nel corso degli anni si è impegnato alla diffusione della cultura siciliana grazie al concorso dialettale da lui ideato, “Fogghi Mavvagnoti” e al recente “Cuba Bizantina”, premio dedicato alle eccellenze siciliane.

Autore di testi teatrali. Due suoi corti di scena si sono classificati al secondo posto, rispettivamente nel 2017 e nel 2018 al Premio “Seneca” di Bari.


 JOSE' RUSSOTTI

 

 

 

UCI SCHIGGHIENTI

Quannu ‘rrìunu, nun sunu mai suri,

di cosi chi cridivi motti pi sempri

e ora sunu ccà chi mùttunu a tenna.

Si ricogghiunu sempri a fumma d’un ciccu

o d’un pugnu di muschi sùciti e ffammicati;

si ricogghiunu, commu oggiu iccatu ntâ ll’occhi

o du’ mani ‘mpinnuti ô suri d’Aùstu.

Oh, lacrimi d’acquazzina e sari ntô criveddu!

Lacrimi di ferru e canceddi sempri ‘nfirrittati!

Jonna di terra ‘mpastata a tinta miseria!

Jonna chini d’infamia e cabbuni pi sira!

Si na ciaramita nun fa mai un canàri,

un canàri nun cummogghia na minzogna.

E commu na barata d’intagghiu subbra u pettu,

senti chi nun poi cchiù sdiniàriti.

E ntâ sta scurura larga quantu ‘u celu,

u chiantu diventa uci schigghienti

chi smòvi lamèri stucciuti di ‘nvennu.

“Ah firita, chi nun sana mai!”

STRIDO LANCINANTE

Quando arrivano, non sono mai sole,

di cose che credevi scomparse per sempre

e ora son qui che spingono la tenda.

Ritornano sempre a forma di un cerchio

o di un pugno di mosche sudice e affamate;

ritornano, come orzo scagliato negli occhi

o due mani appese al sole d’Agosto.

Oh, lacrime di rugiada e sale nel setaccio!

Lacrime di ferro e cancelli sempre chiusi!

Giorni di terra impastata alla nera miseria!

Giorni pieni di infamia e carbone per sera!

Se un frammento non farà mai una tegola,

una tegola non copre una bugia.

E come una lastra di basalto sul petto,

senti che non puoi più negarti.

E in questo buio, grande quanto il cielo,

il pianto diventa strido lancinante

che scuote lamiere divelte d’inverno.

“Ah ferita, che mai si lenisce!”

 

 

 

José Russotti, per gli amici Peppi, è nato a Ramos Mejìa, sobborgo a nord di Buenos Aires, il 31 marzo del 1952 da Sebastiano e Maria Catena Puglisi. Il padre, fiero contadino, gli ha trasmesso la coscienza del rispetto e la perseveranza, la madre, il garbo, la sensibilità e, allo stesso modo, l’intransigenza. Diviso tra Messina e Malvagna (ME), artista versatile, davvero indimenticabile è stata la mostra delle sue opere allestita nell’aprile del 2017 presso il Teatro V. E. di Messina.

Scrive di lui Domenico Pisana: «L’itinerario poetico di José Russotti si muove dentro l’ethos e il “sole e tutto il mare intorno” della terra siciliana, con un’efficacia semantica di forte rilievo. I suoi versi hanno il sapore di un sincero scavo interiore che si fa dono e che la sua anima traduce in canto poetico di autenticità e di vita». Nel corso degli anni si è impegnato alla diffusione della cultura siciliana grazie al concorso dialettale da lui ideato, “Fogghi Mavvagnoti” e al recente “Cuba Bizantina”, premio dedicato alle eccellenze siciliane.

Autore di testi teatrali. Due suoi corti di scena si sono classificati al secondo posto, rispettivamente nel 2017 e nel 2018 al Premio “Seneca” di Bari.


 JOSE' RUSSOTTI

 

 

 

A MA VUCI VAGABUNNA

Era tuttu un gigghiari di luci,
subbra i cianchi d’a Muntagn a,
chi pappariddiàun u trimanti
commu fùssiru diamanti.
C’a maravigghia d’un carusittu,
i cuntai a una a una. Pàriunu pampini
di firiti e minuzzagghi ‘i sari
tra i ‘ngagghi d’u tempu.
Chinu di scantu, ‘ncruccat u subbra u coddu
u ma cori lazzariatu ciccau aiutu.
Chiù taddi, ‘mbrancicatu â vita,
capìi u sensu di cetti cunti antichi:
spisiddi ‘mpazzuti ntô fimmame n t u lanni
d’a me carùsanza.
Avìunu u sapuri di cetti prumissi
mai mantinuti;
allura ‘nficcai un firu ‘i sita
ntâ ugghia d’a me’ ‘nuccenza
e a puttai pi manu
intra un ruèttu ciurutu
pi scupriri appoi
chi era chinu di spini.
C’a ma’ uci vagabun n a,
martiriu di turmenti e ‘bbannun u,
cantai...
Nta ‘na schigghia di friscarettu ‘ntunatu
cantai ô ceru chinu di stiddi
u sdegnu pi faccifarìi e a faùsa benivurènza,
anfin’a a fari trimari i pusa
di tutti i presenti. Cu cori avettu
mi ritruvai intra li mani
scampùri di puesia fracass at a
da finti pueti, svacantati di parori
e endecasillabi scunchiuruti rimati.



LA MIA VOCE VAGABONDA

Era un germinare di luci,
sui fianchi del grande vulcano (Etna)
che ondivaghe vibravano come fossero diamanti.
Con lo stupore di un bimbo,
le contai a una a una. Pareano germogli
di ferite e sbricioli di sale
tra le pieghe del tempo.
In preda alle paure, curvo sul collo
il mio cuore dilaniato invocò aiuto.
Più tardi, aggrappato alla vita,
compresi il senso delle fiabe narrate:
meteore impazzite nel firmamento infinito
della mia fanciullesca curiosità.
Avevano il finale di certe promesse
mai mantenute;
introdussi allora un filo di seta
nell’ago del mio candore
e lo condussi per mano
dentro un roveto fiorito
per scoprire poi
che era pieno di spini.
Con la mia voce vagabonda,
martirio di tormenti ed estasi,
cantai...
In un urlo feroce di flauto intonato
cantai al cielo pieno di stelle
lo sdegno per le futili apparenze
e il falso moralismo,
fino a far tremare i polsi
degli astanti. Col cuore assoluto
mi ritrovai fra le mani
esempi di poesia macellata
da finti poeti, svigoriti di parole
e vuoti endecasillabi rimati.

 

 

 

José Russotti, per gli amici Peppi, è nato a Ramos Mejìa, sobborgo a nord di Buenos Aires, il 31 marzo del 1952 da Sebastiano e Maria Catena Puglisi. Il padre, fiero contadino, gli ha trasmesso la coscienza del rispetto e la perseveranza, la madre, il garbo, la sensibilità e, allo stesso modo, l’intransigenza. Diviso tra Messina e Malvagna (ME), artista versatile, davvero indimenticabile è stata la mostra delle sue opere allestita nell’aprile del 2017 presso il Teatro V. E. di Messina.

Scrive di lui Domenico Pisana: «L’itinerario poetico di José Russotti si muove dentro l’ethos e il “sole e tutto il mare intorno” della terra siciliana, con un’efficacia semantica di forte rilievo. I suoi versi hanno il sapore di un sincero scavo interiore che si fa dono e che la sua anima traduce in canto poetico di autenticità e di vita». Nel corso degli anni si è impegnato alla diffusione della cultura siciliana grazie al concorso dialettale da lui ideato, “Fogghi Mavvagnoti” e al recente “Cuba Bizantina”, premio dedicato alle eccellenze siciliane.

Autore di testi teatrali. Due suoi corti di scena si sono classificati al secondo posto, rispettivamente nel 2017 e nel 2018 al Premio “Seneca” di Bari.


 JOSE' RUSSOTTI

 

 

 

RRUMMICU COCCIA I LAVA

Ndâ sta terra di Sicilia,
di suri e ciatu subbra u coddu
vurìssi campari iàutri milli jonna ancora
a ‘ssicutari vecchi sturnelli
e cunti mai ditti.
Ma intra ‘stu fujiri
sempri ‘nchiffaratu
di stenti e custiòni,
sacciu suru chi di ventu,
commu ventu sugnu,
di focu, commu focu sugnu,
di iàcqua di timpesta o
terra dura di zzappari,
rrùmicu coccia di lava
intra na bucca lappusa di duluri,
lorda di mafia e bucchi ‘ntuppati.
Ndâ sta terra antica
chi scippa a biddizza
a un lampu chi pirisci,
u chiantu è riggiòccuru amaru
p’u ma’ sdilliriu
chi nun brèa mai.

MASTICO FRAMMENTI DI LAVA

In questa terra di Sicilia, 
di sole e fiato sul collo 
vorrei vivere mille altri giorni ancora
a rincorrere vecchi stornelli 
in una sera di racconti mai raccontati.
In questa terra antica
che strappa la bellezza
a un lampo che svanisce.
Ma dentro a questo correre
sempre indaffarato
di stenti e contrasti, 
so soltanto che di vento, 
come vento sono, 
di fuoco, come fuoco sono, 
di acqua di tempesta o
terra dura da zappare, 
mastico chicchi di lava
dentro una bocca aspra di dolore,
sporca di mafia e omertà,
amaro rifugio
per il mio delirio
illimitato.

 

 

 

José Russotti, per gli amici Peppi, è nato a Ramos Mejìa, sobborgo a nord di Buenos Aires, il 31 marzo del 1952 da Sebastiano e Maria Catena Puglisi. Il padre, fiero contadino, gli ha trasmesso la coscienza del rispetto e la perseveranza, la madre, il garbo, la sensibilità e, allo stesso modo, l’intransigenza. Diviso tra Messina e Malvagna (ME), artista versatile, davvero indimenticabile è stata la mostra delle sue opere allestita nell’aprile del 2017 presso il Teatro V. E. di Messina.

Scrive di lui Domenico Pisana: «L’itinerario poetico di José Russotti si muove dentro l’ethos e il “sole e tutto il mare intorno” della terra siciliana, con un’efficacia semantica di forte rilievo. I suoi versi hanno il sapore di un sincero scavo interiore che si fa dono e che la sua anima traduce in canto poetico di autenticità e di vita». Nel corso degli anni si è impegnato alla diffusione della cultura siciliana grazie al concorso dialettale da lui ideato, “Fogghi Mavvagnoti” e al recente “Cuba Bizantina”, premio dedicato alle eccellenze siciliane.

Autore di testi teatrali. Due suoi corti di scena si sono classificati al secondo posto, rispettivamente nel 2017 e nel 2018 al Premio “Seneca” di Bari.


 JOSE' RUSSOTTI

 

 

 

CU SAPI SI TONNA?

Si penzu ô friddu di dda matina,
ô jeru intra a ll’ossa,
ô sirenziu di dda stanza,
ê so’ occhi sgariddati,
femmi ntâ ll’uttimu saccannu ni,
l’aria di oj e di tannu pari
un tappitu senza passi.
Sgabbu ndê parori chi mai ci dissi
ma nun tròu cchiù nenti di idda:
a so’ casa, u so’ richiamu,
i so’ robbi, u so’ ciatu,
suru na junta di spilli ruggiati.
P’ogni lacrima chi scenni
è na stidda chi sralluci,
un trenu si ‘lluntana.
Gnunciu na brizza di sangu ô ‘rriniu
ntâ rrasta di ma’ matri.
Cu sapi si tonna?

 

 

 

 

José Russotti, per gli amici Peppi, è nato a Ramos Mejìa, sobborgo a nord di Buenos Aires, il 31 marzo del 1952 da Sebastiano e Maria Catena Puglisi. Il padre, fiero contadino, gli ha trasmesso la coscienza del rispetto e la perseveranza, la madre, il garbo, la sensibilità e, allo stesso modo, l’intransigenza. Diviso tra Messina e Malvagna (ME), artista versatile, davvero indimenticabile è stata la mostra delle sue opere allestita nell’aprile del 2017 presso il Teatro V. E. di Messina.

Scrive di lui Domenico Pisana: «L’itinerario poetico di José Russotti si muove dentro l’ethos e il “sole e tutto il mare intorno” della terra siciliana, con un’efficacia semantica di forte rilievo. I suoi versi hanno il sapore di un sincero scavo interiore che si fa dono e che la sua anima traduce in canto poetico di autenticità e di vita». Nel corso degli anni si è impegnato alla diffusione della cultura siciliana grazie al concorso dialettale da lui ideato, “Fogghi Mavvagnoti” e al recente “Cuba Bizantina”, premio dedicato alle eccellenze siciliane.

Autore di testi teatrali. Due suoi corti di scena si sono classificati al secondo posto, rispettivamente nel 2017 e nel 2018 al Premio “Seneca” di Bari.

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 213 visitatori e nessun utente online