GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 102 visitatori e nessun utente online

 

 

 

QUANNU DIU S'AVIA 'NCARNARI



 

L'intera partitura per pianoforte, fisarmonica, basso e con accordi per la chitarra fa parte libro "LE PIU' BELLE CANZONI NATALIZIE E NINNE NANNE SICILIANE"
In questo libro sono raccolte le partiture ed i testi delle seguenti canzoni siciliane 

A LA NOTTI DI NATALI

ACQUA NIVI E VENTU FORTI  

BAMMINEDDU PICCILIDDU

CH'E' DUCI STU FIGGHIU  

CUGGHIEMU ROSI E PAMPINI  

DIU VI MANNA L'AMBASCIATA

DORMI GESUZZU

FILASTROCCA A LU BAMMINU

LA CIARAMEDDA

LA SACRA SANTA NOTTI DI NATALI

LLORIA LLORIA A DIU

LU BANNU DI CESARI  

NASCIU NAUTRU SULI  

NI LA NOTTI TRIUNFANTI 

NINU NINU LU PICURARU 

ORA VENI LU PICURARU

PALUMMEDDA IANCA IANCA 

QUANNU DIU S'AVIA 'NCARNARI 

SUTTA 'NPEDI

LE NINNE NANNE SICILIANE

A SIMINZINA

AVO'

CU TI L'HA FATTU STU SCIALLINU OHINE'

FIGGHIU BEDDU

LA NACA DI GESU' BAMMINU

NANNA NINNA

NINNA NANNA (La Perna)

NINNA NANNA DI LA GUERRA

SANT'ANTUNINU

SANT'ANTUNINU CALATI CALATI

TERRA CA NUN SENTI

 Nello stesso libro vi sono dei saggi su:
 LE FONTI DEL CANTO POPOLARE  - IL CANTO SICILIANO E LA STRUTTURA POETICA - LA STRUTTURA MUSICALE DELLA CANZONE POPOLARE -
 GLI STRUMENTI MUSICALI E LA DANZA

Il libro può essere ordinato scrivendo email a Nicolò La Perna Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   cell: 3393269071 costo €: 7,00

QUANNU DIU S'AVIA 'NCARNARI
(tradizionale religiosa)

Quannu Diu s'avia 'ncarnari
mannà l'Angilu Gabrieli,
a Maria l'ha salutari
la Reggina di li celi (tre volte)
Quannu l’Angilu scinni jusu
e guardau ddu beddu visu,
arristau tuttu cunfusu
si scurdau lu Paradisu. (tre volte)
Ci cumparsi intra nenti
e dda c’era un pellegrinu,
cu sta nivi e friddurati
unni iti bona genti. (tre volte)
Itivinni a dda contrada
c’è na grutta arriddussata,
c’è la paglia e l’addumati
risturati sta nuttata. (tre volte)
San Giuseppi caminava
tra muntagni e voschi oscuri,
San Giuseppi e la Madonna
arriddutti alli fridduri. (tre volte)
San Giuseppi caminava
e la redina tirava
la tirava curta, curta
e traseru nda la grutta. (tre volte)
Sennu dda Maria arrivata
vitti un voi e na mangiatura
du armaluzzi alla scurata
pocu fenu e pagliatura. (tre volte)
Parturiu na gran Signura senza dogli e né dulura
iti a Gesù bammineddu,
‘nmezzu u voi e l’asineddu (tre volte)

                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

QUANDO DIO
SI DOVEVA INCARNARE

Quando Dio si doveva incarnare
mandò l’angelo Gabriele, a Maria
devi salutare, la regina dei cieli,
Quando l’Angelo scese quaggiù
e guardò quel bel viso,
restò tutto confuso
si scordò il paradiso.
Le comparve d’improvviso
e là c’era un pellegrino,
con questa neve e freddo
dove andate buona gente.
Andate in quella contrada c’è una
grotta addossata, (al monte)
c’è la paglia e le date fuoco
riscaldate questa nottata.
San Giuseppe camminava
tra montagne e boschi oscuri
San Giuseppe e la Madonna
ridotti al freddo.
San Giuseppe camminava
e le redini (del somarello) tirava
le tirava corte, corte
ed entrarono nella grotta.
Essendo Maria arrivata lì
vide un bue ed un asinello
due animali verso il tramonto
poco fieno e paglia.
Partorì una gran Signora
senza doglie e dolori
andate da Gesù Bambinello
in mezzo al bue ed all’asinello

 

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

ASCOLTA LA CANZONE  video