GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 89 visitatori e nessun utente online

 

 

 

FILASTROCCA A LU BAMMINU



 

L'intera partitura per pianoforte, fisarmonica, basso e con accordi per la chitarra fa parte libro "LE PIU' BELLE CANZONI NATALIZIE E NINNE NANNE SICILIANE"
In questo libro sono raccolte le partiture ed i testi delle seguenti canzoni siciliane 

A LA NOTTI DI NATALI

ACQUA NIVI E VENTU FORTI  

BAMMINEDDU PICCILIDDU

CH'E' DUCI STU FIGGHIU  

CUGGHIEMU ROSI E PAMPINI  

DIU VI MANNA L'AMBASCIATA

DORMI GESUZZU

FILASTROCCA A LU BAMMINU

LA CIARAMEDDA

LA SACRA SANTA NOTTI DI NATALI

LLORIA LLORIA A DIU

LU BANNU DI CESARI  

NASCIU NAUTRU SULI  

NI LA NOTTI TRIUNFANTI 

NINU NINU LU PICURARU 

ORA VENI LU PICURARU

PALUMMEDDA IANCA IANCA 

QUANNU DIU S'AVIA 'NCARNARI 

SUTTA 'NPEDI

LE NINNE NANNE SICILIANE

A SIMINZINA

AVO'

CU TI L'HA FATTU STU SCIALLINU OHINE'

FIGGHIU BEDDU

LA NACA DI GESU' BAMMINU

NANNA NINNA

NINNA NANNA (La Perna)

NINNA NANNA DI LA GUERRA

SANT'ANTUNINU

SANT'ANTUNINU CALATI CALATI

TERRA CA NUN SENTI

 Nello stesso libro vi sono dei saggi su:
 LE FONTI DEL CANTO POPOLARE  - IL CANTO SICILIANO E LA STRUTTURA POETICA - LA STRUTTURA MUSICALE DELLA CANZONE POPOLARE -
 GLI STRUMENTI MUSICALI E LA DANZA

Il libro può essere ordinato scrivendo email a Nicolò La Perna Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   cell: 3393269071 costo €: 7,00

FILASTROCCA A LU BAMMINU
(tradizionale religioso)

La bedda Matri quannu ia a lavari
li panniceddi di nostru Signuri
ci dava un stricuneddu e li vasava
'nmezzu di rosi e ciuri li stinniva.
E San Giuseppi mentri travagliava
sintia Gesuzzu che forti chiancia,
San Giusippuzzu chiamava a Maria,
vidi ca voli minna u Sarvaturi.
Zittu, la mamma, ca ora ti pigliu
ti dugnu la nennè ca pani nun ci n'è.
La Madunnuzza quannu ia a la fera
u bammineddu ciancia pi la bannera
sona, ci à cattai lu tamburinu
‘ndi trizzi d'oru ‘ndi lazza d'argentu
ni mazzuledda di cristallu finu,
l'Angilu ci dissi bambineddu sona
quantu sintemmu stu sonu divinu:
Ci eru li tri re misi a cavaddu,
ci dissiru di cui è stu picciliddu
lu figliu di Maria
taliatilu ch'è beddu,
lu figliu di Maria
taliatilu ch'è beddu.
                                                                                                                                                                                                                                                                                                               

FILASTROCC A GESU’ BAMBINO

La Madonna quando andava a lavare
i panni di nostro Signore,
dava una strofinata e li baciava,
in mezzo a rose e fiori li stendeva.
E San Giuseppe mentre lavorava
sentiva Gesù che forte piangeva
San Giuseppe chiamava Maria:
guarda che il Salvatore vuole il seno.
Zitto, o mamma, che adesso ti prendo
ti do il seno perché pane non ce n’è.
Quando la Madonna andava alla fiera
il bambinello piangeva per la bandiera,
suona, gli ho comprato il tamburino;

nelle trecce d’oro, nei lacci d’argento
un mazzolino di cristallo fino,
l’Angelo gli disse: bambinello suona,
quando sentiamo questo suono divino.
Sono venuti tre re a cavallo,
gli dissero di chi è questo bambinello,
il figlio di Maria
guardatelo quanto è bello,
il figlio di Maria
guardatelo quanto bello.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

      E’ un bellissimo quadretto di vita familiare della Sacra Famiglia, ma in questo quadro tutte le famiglie si riconoscono; niente di soprannaturale, la madre che lava i panni e li strofina, San Giuseppe che lavora, il bambinello che piange, la madre che allatta al seno. Come tutte le filastrocche l’intento non è di raccontare qualcosa, ma di divertirsi con le parole ripetute e con le rime, mentre la musica si fa sempre più veloce e il ritmo insistente.

 

“Corpus di musiche popolari siciliane”, 1957 Alberto Favara al n: 196

 

ASCOLTA LA CANZONE  audio