GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 55 visitatori e nessun utente online

 

 

 

DIU VI MANNA L'AMBASCIATA



 

L'intera partitura per pianoforte, fisarmonica, basso e con accordi per la chitarra fa parte libro "LE PIU' BELLE CANZONI NATALIZIE E NINNE NANNE SICILIANE"
In questo libro sono raccolte le partiture ed i testi delle seguenti canzoni siciliane 

A LA NOTTI DI NATALI

ACQUA NIVI E VENTU FORTI  

BAMMINEDDU PICCILIDDU

CH'E' DUCI STU FIGGHIU  

CUGGHIEMU ROSI E PAMPINI  

DIU VI MANNA L'AMBASCIATA

DORMI GESUZZU

FILASTROCCA A LU BAMMINU

LA CIARAMEDDA

LA SACRA SANTA NOTTI DI NATALI

LLORIA LLORIA A DIU

LU BANNU DI CESARI  

NASCIU NAUTRU SULI  

NI LA NOTTI TRIUNFANTI 

NINU NINU LU PICURARU 

ORA VENI LU PICURARU

PALUMMEDDA IANCA IANCA 

QUANNU DIU S'AVIA 'NCARNARI 

SUTTA 'NPEDI

LE NINNE NANNE SICILIANE

A SIMINZINA

AVO'

CU TI L'HA FATTU STU SCIALLINU OHINE'

FIGGHIU BEDDU

LA NACA DI GESU' BAMMINU

NANNA NINNA

NINNA NANNA (La Perna)

NINNA NANNA DI LA GUERRA

SANT'ANTUNINU

SANT'ANTUNINU CALATI CALATI

TERRA CA NUN SENTI

 Nello stesso libro vi sono dei saggi su:
 LE FONTI DEL CANTO POPOLARE  - IL CANTO SICILIANO E LA STRUTTURA POETICA - LA STRUTTURA MUSICALE DELLA CANZONE POPOLARE -
 GLI STRUMENTI MUSICALI E LA DANZA

Il libro può essere ordinato scrivendo email a Nicolò La Perna Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.   cell: 3393269071 costo €: 7,00

DIU VI MANNA L'AMBASCIATA
(tradizionale religioso)

Diu vi manna, vi manna l'ambasciata
fu di l'angilu, di l'angilu purtata:
Ah ca lu figghiu, lu figliu di Diu Patri
e Maria, Maria fu fatta matri.

Vergine e casta fusti Maria
iu mi cunsolu assai ccu tia. (2 volte)

E pi la gioia partistivu ccu fretta
p'annunziarlu a Santa Elisabetta.
E San Giuanni ancora unn'era natu
fu ppi vui, ppi vui santificatu.

Vergine e casta fusti Maria
iu mi cunsolu assai ccu tia. (2 volte)

Chi bellu fruttu Maria aviti a fari
lu Verbu eternu incarnatu ccu vui
Tu parturisci comu na gran signura
senza aviri né dogli e né dulura
Vergine e casta fusti Maria
iu mi cunsolu assai ccu tia.

Vergine e casta fusti Maria
iu mi cunsolu assai ccu tia.

Diu ti manna l'ambasciata
fu di l'angilu, di l'angilu purtata
Ah ca lu figghiu di Diu Patri e Maria, Maria fu fatta matri.

Vergine e casta fusti Maria
iu mi cunsolu assai ccu tia.

Vergine e casta fusti Maria
iu mi cunsolu assai ccu tia.



                                                                                                                                                                                           

                                                                                                                                                                    

DIO VI MANDA L’AMBASCIATA

Dio vi manda, vi manda l’ambasciata
fu dall’angelo, dall’angelo annunziata:
Ah che il figlio, il figlio di Dio Padre
e Maria, Maria, fu fatta madre.
Vergine e casta, fosti Maria.
io mi consolo assai con te.
E per la gioia siete partita in fretta,
per annunziarlo a Santa Elisabetta.
E san Giovanni ancora non era nato
fu per voi, per voi santificato.
Vergine e casta, fosti Maria
io mi consolo assai con te.
Che bel frutto Maria dovete fare,
il Verbo Eterno incarnato con voi.
Tu partorisci come una gran Signora
senza avere né doglie né dolori.
Vergine e casta, fosti Maria.
io mi consolo assai con te.
Vergine e casta, fosti Maria.
io mi consolo assai con te.
Dio vi manda, vi manda l’ambasciata
fu dall’angelo, dall’angelo portata
Ah che il figlio, il figlio di Dio Padre
e Maria, Maria, fu fatta madre.
Vergine e casta, fosti Maria.
io mi consolo assai con te.
Vergine e casta, fosti Maria.
io mi consolo assai con te.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                 

      Il testo della canzone  “Diu vi mamma l'ambasciata”  risale a moltissimi anni addietro e fa parte delle preghiere che le nostre mamme e nonne, specie nel periodo freddo invernale, attorno al “tancino” (braciere con carbonella) recitavano ogni sera all'imbrunire, spesso riunendosi con varie famiglie viciniore e con tutti i bambini. Finito il rosario, (e questa canzone recita i cinque misteri gaudiosi: annuncio dell'Angelo, visita a S. Elisabetta, nascita di Cristo, presentazione al tempio, e ritrovamento di Gesù fra i dottori del tempio) i bambini venivano accompagnati a letto aiutandoli a fare il segno della croce e facendo recitare loro una antica preghiera “Ia mi curcu nni stu lettu / ccu Maria supra lu pettu./  Ia dormu e Idda viglia, / si c'è cosa m'arrusbigghia. Ccu Gesu mi curcu, ccu Gesu mi staiu, si sugnu ccu Gesu paura nun haiu”.  Vedi copia del Pitrè  sotto

 

 

ASCOLTA LA CANZONE  audio