FRANCO LI CAUSI

 

SICILIA BEDDA

 

SICILIA BEDDA 
(tradizionale)

Di Mungibeddu (1) tutti figghi semu
terra di focu, di canti e d'amuri
st'aranci sulu nui li pussidemu
e la Sicilia nostra si fà onuri

E di luntanu venunu li furasteri a massa
dicennu la Sicilia chi ciauru ca fà
tonchi, tichiti tonchiti, tonchi tonchi tonchiti
tonchi, tichiti, tonchiti la la la la la la

L'oduri di la zagara si senti
e riturnau la bedda primavera
rosi sbucciati, lu suli cucenti
Sicilia bedda tu si 'na ciurera

Chi ciauru, chi ciauru di balucu e di rosi
evviva la Sicilia e l'abitanti sò
tonchi, tichiti tonchiti, tonchi tonchi tonchiti
tonchi, tichiti, tonchiti la la la la la la

 

SICILIA BELLA

Di Mungibeddu (1) tutti figli siamo
terra di fuoco, di canti e d'amore
queste arance solo noi le possediamo
e la Sicilia nostra si fa onore

E da lontano vengono i forestieri in massa
dicendo la Sicilia che odore che fà
tonchi, tichiti tonchiti, tonchi tonchi tonchiti
tonchi, tichiti, tonchiti la la la la la la

l'odore della zagara si sente
e ritornata la bella primavera
rose sbocciate, il sole cocente
Sicilia bella tu sei una fiorera

Che odore, che odore di violacciocche e di rose
evviva la Sicilia e gli abitanti suoi 
tonchi, tichiti tonchiti, tonchi tonchi tonchiti
tonchi, tichiti, tonchiti la la la la la la

1) Etna La parola Mungibeddu
è formata dal latino Mun e Gibel (arabo)
che vuol dire Monte monte, il monte per eccellenza l'Etna 

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 199 visitatori e nessun utente online