FRANCO LI CAUSI

 

A LA NICUSIANA (AUDIO)

 

A LA NICUSIANA 
modo di cantare delle contadine di Nicosia

Ora ch'è 'n festa la chiana e lu mari
e 'ntra li spichi lu frummentu 'ngrana,
dintra 'sta massaria amu a cantari
canzuni a stagghiu (1) a la "nicusiana".

Saridda è tantu vucitara e pazza
c'ammatula s'ammela la vuccuzza:
non pò canciari, mancu si s'ammazza!
falla comu la voi... sempri è cucuzza

Ccu 'ss'occhi beddi toi lu suli astuti,
ccu 'ss'occhi spataioli e ammavarati...
Quannu mi guardi ccu 'ss'occhi pizzuti
mi sentu ccu li causi strazzati

Cci haju 'na zita ca si chiama Nedda
bedda di facci ma senza midudda.
Cci addimannai 'n vasuni, ma 'sta bedda
mi dissi: "No,pirchì mangiai cipudda"

Cchiù ti taliu e cchiù addiventu siccu!
mi sentu ccu la testa dintra 'n saccu!
Ppi jiri appressu a tia persi lu sceccu 
e ora ...a cui diavulu cravarcu?

ALLA DONNA DI NICOSIA

 

Ora che è in festa la pianura e il mare
e fra le spighe il frumento fa la grana,
dentro questa masseria dobbiamo cantare
canzoni a "stagghiu a la nicusiana " (1)

Saretta è tanto sguaiata e pazza
che è inutile che si riempie la bocca di miele
non può cambiare neanche se si ammazza!
falla come vuoi...sempre è cocuzza 

Con quegli occhi belli il sole spegni,
con quegli occhi ladri che incantano.
Quando mi guardi con quegli occhi pungenti
mi sento con i pantaloni strappati.

Ho una fidanzata che si chiama Nella
bella di faccia ma senza cervello
Le ho chiesto un bacio, ma questa bella
mi ha detto "No, perchè ho mangiato cipolla"

Più ti guardo e più divento magro!
mi sento con la testa dentro un sacco!
Per andare appresso a te ho perso l'asino
e ora...a chi diavolo cavalco?

 

 

 

 

GTranslate

CANTASTORIE

RICETTE SICILIANE

Chi è online

Abbiamo 187 visitatori e nessun utente online